Blog: http://CasaleCorteCerro.ilcannocchiale.it

UNA QUESTIONE LINGUISTICA

Problemi di grafia del dialetto casalese — parte seconda

‘Arrivederci alla prossima puntata; nel frattempo inviateci i vostri commenti’; si chiudeva così il precedente articolo su questo argomento. Per la verità non sono pervenuti commenti, ma nemmeno critiche o prese di distanza, per cui non resta che adeguarsi al vecchio adagio del ‘chi tace acconsente’ e supporre che la proposta possa essere accettata e condivisa. Ecco allora la seconda parte della tabella di trascrizione fonetica ed un piccolo esempio di applicazione della medesima.

Massimo M. Bonini

Ël spirit dë Sän CarlO

Il fantasma di San Carlo

Ël Luisìn l’evä vun chë’gh piäsevä ‘l vin, speciälment int i ser ‘d l’invèrn, quänd ël ghë scäudavä ‘l stòmigh e’gh favä gìi lä tèstä bèlä lingerä, con pu ‘d pënséer e ‘d preocupäziogn. Incä colä serä lì’nsì, ‘nt ël circol dë Bui, än n’evä trogià giù ‘n po’ ‘d bicer, për fàass coracc, che lä stràa fin ij Ars l’evä longä, ël frëcc tänt e lä nèbbiä tachisciä lä savä vëgä pòch e vèr aot.

S’evä invià dré vundës e mèzzä e quänd gh’è sonà mèzzaneucc ël pässava giustä dät nëgn d’lä gesä ‘d Sän Carlo; pë’l sòlit, pässand dë lì ‘l disevä on De profundis për i pòvër meurt, ma colä vòtä l’evä treupp cioch e së’n n’è pròpi dismëntigà. Ma… l’evä penä pässà viä lä gesä quänd s’è sëntù ciäpàa për lä sciarpä e tiràa, comè së voressän stropagh via lä zucä. Podì bè pënsàa ‘l strimizzi!…

“Pietà – ël vosavä ‘l Luisìn – ‘bbij compässión, spirit d’ij mei meurt!… Äm dismëntighërò pu’ ‘n orazión për vièuti… Ä bivërò pu’, mä dèss lässèm nàa, për l’ämor dël ciel”

E ‘l tiravä, e ‘l frozzavä, fin quänd lä sciarpä s’è disligà e lui l’ha podù scäpàa viä. L’è ruvà cà int on fià, s’è ‘nfrizzà sotä i lënzeui bèli vistì e l’è nacc ‘vanti bärbelàa tutä neucc senzä podée dromìi d’lä grän strofiä.

Lä mätin gh’ha biù dä pässàa dë Sän Carlo, për nàa läoràa ‘nt ij Cälderón; lä nèbbiä l’evä naciä viä e su pë ij bòrsciol chë vänzavän fòrä d’lä sciupä l’ha vist lä seu sciarpä ch’la dondavä. Ijlorä l’ha cäpìi che brutt schèrz gh’evä facc ël mëricän, e s’è mëss dré ghignàa.

Ma dä col dì la ‘l neust Luisin l’ha pù bivù, per miä corä ris-c, ël dis lui, e speciälment s’è pù dismëntigà ij oraziogn për ij pòvër meurt.

(traduzione letterale)

Luigino (personaggio di fantasia) era uno cui piaceva il vino, specie nelle sere d’inverno, quando gli scaldava lo stomaco e gli rendeva la testa leggera, senza più pensieri e preoccupazioni. Anche quella sera, al circolo di Motebuglio, ne aveva tracannati vari bicchieri, per darsi coraggio, che la strada per Arzo era lunga, tanto era il freddo e la nebbia appiccicosa non lasciava vedere quasi nulla.

Si era avviato intorno alle ventitre e trenta e al tocco della mezzanotte passava proprio di fronte alla chiesa di San Carlo (al cimitero); solitamente passando di lì recitava un De profundis per i defunti, ma quella sera era troppo brillo e se ne scordò. Ma… aveva appena superato la chiesa quando si è sentito afferrare per la sciarpa e tirare, come se gli volessero staccare la testa. Potete immaginare lo spavento!…

“Pietà – gridava Luigino – abbiate compassione, fantasmi dei miei defunti!… Non scorderò più una preghiera per voi… Non berrò più, ma ora lasciatemi, per l’amor del cielo”

E tirava, e tramestava, finché la sciarpa si è slacciata e lui ha potuto fuggire via. E’ giunto a casa in un baleno, si è infilato tra le lenzuola senza spogliarsi e ha continuato a battere i denti per l’intera notte, senza poter dormire per lo spavento.

Il mattino successivo, per recarsi al lavoro alla Calderoni, ha dovuto passare di nuovo da San Carlo; la nebbia era scomparsa e sui rovi che sporgevano dalla siepe ha potuto veder dondolare la sua sciarpa. Ha compreso allora il brutto scherzo giocatogli dal vino americano e s’è messo a ridere.

Ma da quel giorno, Luigino non ha più bevuto, per non correre rischi, dice, e soprattutto non ha più scordato le orazioni per i defunti.

(racconto della tradizione locale, liberamente rielaborato)

Pubblicato il 9/1/2004 alle 17.46 nella rubrica Dialetto / dialetti.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web