Blog: http://CasaleCorteCerro.ilcannocchiale.it

Ël gamolón

 

dal Bollettino Parrocchiale di Ramate, n. 39, 3 ottobre 2010
 
Ël gamolón
di Italo Dematteis
(3° premio al Concorso “Armando Tami” di Villadossola 2007)
 
Insëmä, vizi e balordài
jin nacc tucc a fàas bënidìi…
e l’argàus, ormai mòch mòch
a onz a onz al va… a sparìi…
Dèss, l’è ‘l fiamìn dla mé busìä
‘l gamolón chë infastidìss…
“Trëmi, fagh fum e… schèrzi miä…”
‘l dìis, e insìst: “Gh’è la scérä chë finìss!”
a scotàal, ass vëgn nèch, ass märmòtä…
ma “Di ‘m ni voarda!” intrigàa sgént
che la criticä pòrtä bëgn
së s’inconträ on vécc contént!
A isulàas ass va int on garbuj,
ass bramä ass scërch la compagniä:
l’è comè aij caudogn ad luj
al soliev ch’a dà n’ombrìä.
Peu, ad paròl s’è incùu golos…
insì d’odor ëd èrba ròsa…
a vardàa folài ëd pofia
tajàa l’aria a bisabòsa…
E la natura?! Ël butàa smenz
l’incimentàa… squàas al striàa.
Ròb da pòch? Fargaj ad séens?
Fior in ‘na stagión sfioriä?
L’è al masaràa dla brascä.
Sanza fiama né calor,
pòca sciändrä… più pälisch…
ma sot sot ass sent ch’a triscä.
Basta on colp, ligéer, ad ‘na buscä
e… lusìiss!
Ël feugh dent incùu l’è visch!
Ël gamolón lassa ch’al disä:
stàa a scotàal e… schìisc, fa cito…
peu… ch’a siä cum si siä.
 
Il grosso tarlo
Assieme, vizi e balordaggini,
sono andati a farsi benedire …
e l’orgoglio, mogio, mogio,
un po’ alla volta va … a sparire …
ora è la fiammella della mia “bugia”
il tarlo che dà fastidio:
“Tremo, faccio fumo e … non scherzo …”
dice, insiste: “E’ la cera che sta per finire”.
Ad ascoltarlo, fa intristire, si borbotta …
ma “Dio me ne guardi!” a coinvolgere gente
convinta che porti bene
incontrare un vecchio contento.
A isolarsi si va in un groviglio
E si brama, si cerca la compagnia.
E’ come alla calura di luglio
il sollievo che dà un’ombra.
Poi… di parole si è ancora golosi …
così del profumo dell’erba rosa…
il guardare folate di polvere
tagliare l’aria a zig zag…
E la natura?! Il germogliare dei semi
provoca e quasi ammalia …
cose da poco? Briciole di sensi?
Fiori di una stagione sfiorita?
E’ il macerare della brace.
Senza fiamma né calore,
poca cenere, non più scintille…
ma sotto sotto si sente crepitare:
basta un colpo, leggero, di un filo d’erba
e… luccica!
Il fuoco dentro è ancora vivo.
il grosso tarlo lasciamolo parlare:
ascoltarlo e … calmo, stare zitto…
poi, sarà … in qualunque modo.
 
Note:
Argaus: orgoglio
Busìa: piccolo candeliere
Di m’ni voarda: Dio me ne guardi
Garbuj: groviglio
Erba ròsa: specie di geranio
Bisabòsa: a zig zag
Incimenta: provoca, stuzzica
Striàa: stregare, ammaliare
Triscàa: scoppiettare, crepitare
Buscä: filo d’erba
Comsissia: comunque, in qualunque modo.
 

grafia normalizzata piemontese a cura della Compagnia dij Pastor; per la grafia originale click qui

Pubblicato il 10/10/2011 alle 21.27 nella rubrica Dialetto / dialetti.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web