.
Annunci online

 
CasaleCorteCerro 
Storia, tradizioni, cronaca di un paese di montagna
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Massimo M. Bonini
La Stampa VCO di oggi
Le Storie del Bunin
Comune di Casale Corte Cerro
Parrocchie di Casale Corte Cerro
Parrocchie CasaleCC blog
UOEI Casale C.C.
Sci Club Casale Corte Cerro
Fotoclub L'Obiettivo Casale C.C.
Comitato Insieme per Casale
Il Cittadino - periodico casalese
Vivere Casale
Il Monte Cerano
Compagnia dij Pastor
Storia del lago d'Orta
Informazioni Turistiche
Ecomuseo Cusius del Lago d'Orta e del Mottarone
Ecomuseo Cusius blog
Girolago
Il lago dei misteri
Orta blog
Orta.net
Corporazione dei Bardi
Magazzeno Storico Verbanese
IPIA Dalla Chiesa Omegna
Lingue e Dialetti
  cerca

Casale Corte Cerro

provincia del Verbano Cusio Ossola, Piemonte nord-orientale.
Situato nella val Corcera, tra lago d'Orta e lago Maggiore, il suo territorio è adagiato sulle pendici dei monti Zuccaro e Cerano, dai 200 ai 1700 metri di altitudine.
Gli abitanti sono 3500, distribuiti tra il capoluogo e le 14 frazioni.



I testi pubblicati in questo blog, ove non diversamente indicato, sono scritti da Massimo  M. Bonini - barbä Bonìn

I testi dialettali sono trascritti utilizzando le regole fonetiche fissate dalla Consulta Regionale per la Lingua Piemontese, adattate alle varianti locali dalla Compagnia dij Pastor.
 

 


I post presenti in questo sito vengono replicati all'indirizzo http://casalecortecerro.blogspot.com

Casale Corte Cerro e Massimo M. Bonini sono presenti in Face Book.
 


 

Diario | Libri | Raccontando | Storia | Cultura tradizionale | Dialetto / dialetti | Notizie casalesi | Proverbi | Santi casalesi | Territorio | Leggende | Fiabe | Canti | Politica amministrativa | Pubblicazioni casalesi | Casale com'era |
 
Politica amministrativa
1visite.

29 agosto 2009

Piano regolatore

 

La Giunta Regionale, con delibera n. 54 del 4 agosto, pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Piemonte del 13 agosto, ha definitivamente approvato la variante generale al piano regolatore comunale che era sta varata dall’amministrazione Maggiola quasi dieci anni fa.

I tecnici del settore Urbanistica hanno inserito una lunga serie di prescrizioni aggiuntive - soprattutto per quanto riguarda la protezione idrogeologica del territorio – alle norme di attuazione proposte dall’amministrazione comunale.

Arriva così all’epilogo una lunghissima e travagliata vicenda, i cui unici risultati sono quelli di aver aggiunto qualche area edificabile a quelle già previste dal piano generale del comune. Aree per altro ormai quasi completamente utilizzate attraverso i meccanismi di deroga previsti dalla legislazione vigente.

Di fatto il nuovo strumento potrà dare qualche vantaggio a pochi cittadini, ma non porta in sé quegli elementi che gli permettano di divenire strumento per una riqualificazione del territorio.

Diviene allora importante avviare uno studio serio sulle problematiche dello sviluppo e sul futuro di questo nostro paese, uno studio che parta da un’analisi condotta con rigorosi criteri scientifici e non basata, come purtroppo è successo nel passato, anche recente, sulle semplici e disorganiche richieste degli amministrati. Certo, procedere in questo modo richiede un cambio di mentalità e un deciso salto di qualità; richiede soprattutto che gli amministratori badino meno al consenso elettorale e molto di più all’interesse collettivo della comunità che sono stati messi a governare.

Casale ha bisogno di un nuovo piano regolatore, nuovo soprattutto nel concetto di base, che preveda scelte coraggiose e responsabili. Casale ha bisogno di persone che prendano in mano questo processo con onestà intellettuale e con determinazione. E soprattutto Casale ha bisogno del coinvolgimento dei cittadini in questo processo, non perché ciascuno caldeggi il proprio interesse personale, ma affinché tutti insieme individuino e perseguano il bene comune.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Politica amministrativa

permalink | inviato da CasaleCorteCerro il 29/8/2009 alle 5:9 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

15 giugno 2009

Proposta di semplificazione

Ricevo e pubblico, con la relativa risposta.
(la proposta è firmata)

Ciao Massimo
Con questa mail volevo proporre ,se possibile,in questa era di semplificazioni, la possibilità di pagare le bollette dell'acqua come quelle della spazzatura tramite bonifico bancario per evitare di dover andare negli uffici postali,strapieni di gente e dover aspettare magari 1 ora per poterle pagare.
E' vero che questo servizio lo potrà usare solo chi ha un pc,ma già cosi si può dare un servizio in  più a diverse persone,che verrebbero tolte da tali uffici...
Che ne dici?

Ciao a te.
Già 4 anni fa avevo proposto in giunta di ampliare le possibilità di pagamento di tasse e tariffe comunali, prevedendo il bonifico bancario, il pagamento via web con carte di credito normali e prepagate, il pagamento presso gli sportelli bancomat.
La proposta fu però contrastata dai funzionari del comune (le novità prevedono sempre lavoro in più, almeno all'inizio) e venne lasciata cadere dall'assessore al bilancio.
Non di meno, continuo anch'io a credere che possa essere una buona idea. Chi utilizza normalmente i moderni mezzi di pagamento li impiegherà anche in questo caso e, non dovendo più recarsi in posta, permetterà agli altri cittadini di trovare code meno lunghe.
 
Giro questa risposta anche ai nuovi amministratori. Chissà che i tempi non siano finalmente maturi.
A risentirci.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Politica amministrativa

permalink | inviato da CasaleCorteCerro il 15/6/2009 alle 16:29 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
giugno