.
Annunci online

 
CasaleCorteCerro 
Storia, tradizioni, cronaca di un paese di montagna
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Massimo M. Bonini
La Stampa VCO di oggi
Le Storie del Bunin
Comune di Casale Corte Cerro
Parrocchie di Casale Corte Cerro
Parrocchie CasaleCC blog
UOEI Casale C.C.
Sci Club Casale Corte Cerro
Fotoclub L'Obiettivo Casale C.C.
Comitato Insieme per Casale
Il Cittadino - periodico casalese
Vivere Casale
Il Monte Cerano
Compagnia dij Pastor
Storia del lago d'Orta
Informazioni Turistiche
Ecomuseo Cusius del Lago d'Orta e del Mottarone
Ecomuseo Cusius blog
Girolago
Il lago dei misteri
Orta blog
Orta.net
Corporazione dei Bardi
Magazzeno Storico Verbanese
IPIA Dalla Chiesa Omegna
Lingue e Dialetti
  cerca

Casale Corte Cerro

provincia del Verbano Cusio Ossola, Piemonte nord-orientale.
Situato nella val Corcera, tra lago d'Orta e lago Maggiore, il suo territorio è adagiato sulle pendici dei monti Zuccaro e Cerano, dai 200 ai 1700 metri di altitudine.
Gli abitanti sono 3500, distribuiti tra il capoluogo e le 14 frazioni.



I testi pubblicati in questo blog, ove non diversamente indicato, sono scritti da Massimo  M. Bonini - barbä Bonìn

I testi dialettali sono trascritti utilizzando le regole fonetiche fissate dalla Consulta Regionale per la Lingua Piemontese, adattate alle varianti locali dalla Compagnia dij Pastor.
 

 


I post presenti in questo sito vengono replicati all'indirizzo http://casalecortecerro.blogspot.com

Casale Corte Cerro e Massimo M. Bonini sono presenti in Face Book.
 


 

Diario | Libri | Raccontando | Storia | Cultura tradizionale | Dialetto / dialetti | Notizie casalesi | Proverbi | Santi casalesi | Territorio | Leggende | Fiabe | Canti | Politica amministrativa | Pubblicazioni casalesi | Casale com'era |
 
Territorio
1visite.

14 maggio 2014

APPELLO AI CASALESI E AGLI AMICI DI CASALE

APPELLO AI CASALESI

Cari Casalesi,

è interessante vedere, in questi giorni di elezioni amministrative e feste patronali, quante persone siano presenti alle diverse iniziative che vengono via via organizzate.

Approfittiamo quindi di questo clima di grande disponibilità per lanciare un appello.

Come senz'altro sapete, lo scorso 26 aprile è stato inaugurato il nuovo museo della Latteria Consorziale Turnaria. Si tratta di un'opera importante, fortemente voluta dalle Amministrazioni Comunali che si sono succedute negli ultimi vent'anni alla guida del paese e che ha richiesto un considerevole impiego di risorse ed energie, un'opera realizzata con l'intento di farla divenire un centro di studi, ricerche e riproposizione su tutto ciò che riguardi la cultura, la storia, le tradizioni del nostro paese. Oltre al museo vero e proprio, si vorrebbe che il sito divenisse sede di mostre, conferenze, corsi di formazione nelle più diverse discipline. Punto di ritrovo, quindi e di aggregazione per tutti i cittadini. Proprio per questo l'intervento introduttivo dell'assessore alla Cultura, quel 26 aprile, iniziava con l'affermazione: "...questo non è un punto di arrivo, ma di partenza..."

Il Comune ha provvisoriamente affidato a Ecomuseo Cusius la gestione del sito, ma analoghe esperienze condotte in altri luoghi del Cusio hanno chiaramente dimostrato che tali iniziative hanno successo solo dove le comunità locali se ne fanno carico e ne diventano protagoniste. Per questo motivo riteniamo indispensabile la nascita di un gruppo di persone che si rendano disponibili, volontariamente, a farsi carico dell'apertura al pubblico, previo un piccolo corso di formazione, dell'organizzazione di iniziative - tutte da inventare - di raccontare la realtà casalese, presente e passata, e della gestione materiale della struttura, con attività che partano dalla semplice manutenzione ordinaria (pulizie, cura del giardino e dell'edificio etc.)

Chiunque fosse disponibile, in modo continuativo o una volta ogni tanto, per qualcuna di queste attività ce lo segnali scrivendo a latteriamuseocasalecc@gmail.com o telefonando al numero 334 246 0473.

Grazie in anticipo.

12 Maggio 2014

Massimo M. Bonini

Ecomuseo Cusius del Lago d'Orta e del Mottarone

Compagnia dij Pastor


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. TERRITORIO

permalink | inviato da CasaleCorteCerro il 14/5/2014 alle 6:35 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

1 ottobre 2008

La mappa... del tesoro?

Un caro, vecchio amico mi ha fatto gradito omaggio di questa pregevole mappa del nostro territorio (il tesoro, appunto), che vorrei condividre con tutti i lettori di questo sito.



Grazie intanto a Zòrz e a tutti gli estimatori di Casale.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Territorio

permalink | inviato da CasaleCorteCerro il 1/10/2008 alle 18:52 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

15 settembre 2008

CEREDA - Sciërëiä

 

Cereda, frazione di Casale Corte Cerro, 300 metri sul livello del mare, 416 abitanti al 31/07/2006

Cereda è un piccolo agglomerato posto a valle del capoluogo. Parlare di Cereda significa parlare della chiesetta dedicata alla Madonna della Mercede, il cui culto si deve al casalese Padre Pietro Ferraris che lo importò dalla Spagna. Durante l'anno giubilare del 1925 fu acquistata la statua della Madonna, con pubblica sottoscrizione. Notevoli le fontane in granito locale poste una sulla piazzetta e l'altra sul retro della Chiesa. Quest'ultima fontana fu costruita da un gruppo di frazionisti per permettere il primo approvvigionamento idrico pubblico.

Cui dlä Sciërëiä mängiän polentä e mäcäiä… Quelli della Cereda mangiano… polenta e muco.
Da qui il sopprannome degli abitanti: macarogn (o viceversa).

CAPPELLETTA DELLA MADONNA D’OROPA

La cappelletta della Madonna d’Oropa si trova all’uscita della Cereda verso Ramate, in fondo a via Beltrami. L’immagine della Madonna nera è accompagnata da quelle di sant’Antonio da Padova e di san Giacomo.

Sul timpano la scritta “Ave Maria 1733”.




permalink | inviato da CasaleCorteCerro il 15/9/2008 alle 21:44 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
ottobre