.
Annunci online

 
CasaleCorteCerro 
Storia, tradizioni, cronaca di un paese di montagna
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Massimo M. Bonini
La Stampa VCO di oggi
Le Storie del Bunin
Comune di Casale Corte Cerro
Parrocchie di Casale Corte Cerro
Parrocchie CasaleCC blog
UOEI Casale C.C.
Sci Club Casale Corte Cerro
Fotoclub L'Obiettivo Casale C.C.
Comitato Insieme per Casale
Il Cittadino - periodico casalese
Vivere Casale
Il Monte Cerano
Compagnia dij Pastor
Storia del lago d'Orta
Informazioni Turistiche
Ecomuseo Cusius del Lago d'Orta e del Mottarone
Ecomuseo Cusius blog
Girolago
Il lago dei misteri
Orta blog
Orta.net
Corporazione dei Bardi
Magazzeno Storico Verbanese
IPIA Dalla Chiesa Omegna
Lingue e Dialetti
  cerca

Casale Corte Cerro

provincia del Verbano Cusio Ossola, Piemonte nord-orientale.
Situato nella val Corcera, tra lago d'Orta e lago Maggiore, il suo territorio è adagiato sulle pendici dei monti Zuccaro e Cerano, dai 200 ai 1700 metri di altitudine.
Gli abitanti sono 3500, distribuiti tra il capoluogo e le 14 frazioni.



I testi pubblicati in questo blog, ove non diversamente indicato, sono scritti da Massimo  M. Bonini - barbä Bonìn

I testi dialettali sono trascritti utilizzando le regole fonetiche fissate dalla Consulta Regionale per la Lingua Piemontese, adattate alle varianti locali dalla Compagnia dij Pastor.
 

 


I post presenti in questo sito vengono replicati all'indirizzo http://casalecortecerro.blogspot.com

Casale Corte Cerro e Massimo M. Bonini sono presenti in Face Book.
 


 

Diario | Libri | Raccontando | Storia | Cultura tradizionale | Dialetto / dialetti | Notizie casalesi | Proverbi | Santi casalesi | Territorio | Leggende | Fiabe | Canti | Politica amministrativa | Pubblicazioni casalesi | Casale com'era |
 
Dialetto / dialetti
1visite.

31 marzo 2014

COLÄ NEUCC CHE LA LÒSNÄ L’HA MOCIÁ ‘L NEUST CÄMPÄNÍN



La notte del 5 aprile 1989 un tanto precoce quanto furioso temporale scaricava un fulmine sulla cuspide del campanile della chiesa parrocchiale di San Giorgio, provocandone il parziale crollo.
L’amico Gianluigi Dago, crusinallese con forti legami in quel di Casale, ha voluto ricordare quegli avvenimenti con una delle sue liriche dialettali che proponiamo nella grafia fonetica originale.

PROLOGO
Venticinque anni fa, la sera del 5 aprile 1989, a primavera appena iniziata un inusuale quanto repentino temporale si abbatté su Casale Corte Cerro e un fulmine colpì il campanile della chiesa parrocchiale di San Giorgio provocando la frantumazione della slanciata, lunga punta, che cadendo nella piazza sottostante causò ingenti danni e grande apprensione e spavento tra gli abitanti.
La notizia fece in un baleno il giro del circondario

…Eh ‘ntun vôol l’è rivàa giü a Crusnall.
L’è stacc alura che li ‘nta cul paees,
un pueta da poch pees,, un po’ burlôn,
bitüvà a _i üna ball dre la vègia Umégna,
vista alura li ‘nla fraziôn… un cicin mama madrégna,
in armonia cum vena alegra, par smulzinà e smalti i spuvantuugn
che cula sera dre ‘l tempural, an ciapà i povar “MUTUUGN”
gh’a smià na roba sänä, giüsta e nurmaal…
pascià ‘n po’ ‘t ball ai tanci amiis che ‘l gheva sü par Casaal.

Cara geent che si vanti ‘n po’ ‘nti agn! Au ricurdari bé tucc…
cula sera maladéta che ‘l vöst campanin, grazie al DIAVUL l’è gnü MUCC!


SAN GIORGIO 1989
AL CAMPANIN MUCC

La sera di prim dì da sto mees
Che gh’eva tüta l’aria da vésa na sera quieta, nurmaal,
cùl “porca” d’un diavul, pugià süi capluugn negar d’un tempuraal,
al pasava par caso sura Casaal.

Và, che da culpa c végn da fa ‘n bisôgn.
Si bé, al diavul, par via che ‘l mangia vulantera zulfar,
l’è sempar beli bégn stitich,
e quaand al deuv mulà i bragh, l’è ‘n mumeent critich!

Ansi ‘ntal quatas, par, par fa la funziôn liberatoria,
un po’ pugià mal, l’à duvü fa ‘n gran sfoorz.
EH! PROOM! Gh’è partì ‘n fulmin,
cl’à branca ‘n pieno ‘l campanin ‘dla Gesa da San ZOORZ!..

Un crép cumpagn a Casaal l’evan propi mai sintü.
E dre na sguaraa che la finiva pü.
E giü piood e giü tegul e giü canaai!..
E suta ‘ntla piazza, na fila d’autumobil spatasciai!

E ‘nti caai… I geent tücc spuvantaai!
O sintü dì, però so mia sl’è vera,
che la spuvent l’è stacc tantü grôs,
ca gh’è stacc ‘n quaidün che as la facia dôs!

Gh’à nacc un bel mument a pasà ‘l prim spuveent.
Pôi, for a geent pian pian an vardà for a,
Cum gena an mes fò ‘l naas e s’an nicurgiüüi tucc.
CAAR SIGNUR! Al nôst bel campanin… A l’é divintà MUCC!..

Ah! Al nôst bel _i üna_li, facc cunt’al sass viuv, stucà cunt’al ciment
che par secul l’än mia trac giü ne l’acqua ne ‘l vent,
ant’un sant e amen, la losna dal diavul,
l’à mucià, senza ‘nzun rispett. Ansì ‘n tunmument!

Al di adr bunura, an paradisi san Zoorz a la seva.
E dal Padreterno n présa sa fac riceva.
Rabia cum l’eva, ‘ntal riclamà, al picava giü pügn sul tavol.
Ac faghi fa la fin dal drago! Mi sum Sn Zoorz!..
Ac tai la cuva e ac muci i corni a cul porca d’un diavul!

Fam tucc a sti disastra. Spuvantà la me gent da Casaal!
Caa grazia a Vuui che ghé mia scapà anca ‘n finaral!
Pinsi Car Signor, che l’Arcipret l’eva ‘ntal lec cum la feura!
Strimì, l’è pasà fora da cursa! Smiava na leura!

Caar al me Padreterno. Vuui gh’ì bé paria a dì da mia scaudam,
d’avech pazienza, mia fa cidél e rilasaam.
Ma mitiuv ‘nti mei pagn.
Giü da li, chi l’è che paga tuc-i sti dagn!

Al Padretern la lasacc sfogà. Pôi cum la sô santa calma a la replicà.
Abbia pazienza, stà quiet, tanquil San Zoorz.
Se la facc cul povar tapin d’un diavul,
at vôi che sia mia bon anca mi a fa ‘npicul sforz?

Al mees d’april, al vintiti, gh’è chi la tô festa e la tô gent,
a l’è ià dre cla prepara di gran festegiameent.
Mi ‘l so, gh’an bisôgn che ac sia teemp bel, e par cul,
par vott di at garantisi, ac farò gni fora un gran bel sul!

Varda l’ò già scricc cum al lapis rus chi sul me libar.
Farò ‘n manera, par andrizzà sü al tô campanin,
che i tôôi geent da Casaal sian mia pigar…
ad avegh la man ladina a tirà fò ‘l bursin.

Tal garantisi, al tô campanin al gnerà ancora püsé bel,
püsé dricc, püsé güzz e al turnarà a duminà ‘ntal ciel.
E parché al diavul al poda fa pü disprresi e ruvinaal,
mi, mandarò _i üna benediziôn tüta speciaal.
Ansì at vigaré che sut la me Santa Pruteziôn…
Al traran mai giü pü, ne ‘ diavul, ne la losna, ne ‘l trôn!..

Gianluigi Dago




Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. dialetto / dialetti

permalink | inviato da CasaleCorteCerro il 31/3/2014 alle 20:1 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

4 febbraio 2013

UNI3 OMEGNA – RIPARTONO LE LEZIONI DI DIALETTO

Inizierà giovedì 14 febbraio, alle 15, presso la palazzina del Forum di Omegna il nuovo ciclo di lezioni dedicate a Lingue, dialetti e cultura tradizionale. Ad organizzarle, nell’ambito dell’UNI3 2012-13, l’assessorato comunale alla Cultura in collaborazione con la Compagnia dij Pastor ed Ecomuseo Cusius.

Nel corso dei sei incontri in programma verranno trattati i problemi di trascrizione dei dialetti locali, le tradizioni degli alpini piemontesi, le origini antropologiche da celti e longobardi, la vita quotidiana del ‘tempo che fu’. Ci si occuperà inoltre di animali, domestici e non, e si intraprenderà una seconda tappa del giro virtuale per Omegna iniziato con l’edizione dello scorso anno.

Il costo d’iscrizione è di 40 euro, ridotti a 35 per i pensionati, da versarsi in occasione della prima lezione; in alternativa la frequenza sarà garantita dal possesso della Tessera oro. Per informazioni è possibile rivolgersi all’ufficio comunale alla Cultura telefonando al numero 0323 868428 o scrivendo a cultura@comune.omegna.vb.it.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. dialetto / dialetti

permalink | inviato da CasaleCorteCerro il 4/2/2013 alle 11:49 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

20 maggio 2012

INGLESE - DIÄLÈT

 

Ël Jacom d’Omëgnä – Riva për chi ‘l lèsg L’Informatore, dato che ‘l lavorä in su lä Rivä ‘d Fond – äl scruvevä lä smänä pässà dë col chë’l gh’è sucidù int ël paes dij Luv e ‘l tiravä fòo dij pärologn in ingles ciämändogh a cui dël diälèt dë votài int lä nòstä mänerä dë pärlàa. Street boulder, spinning, parkour, scout, self made… Tutä ròbä modèrnä, chë ‘ss pòl dilä domà in cola manerä lì ’nsì… O nò?

Scomënciomä d’in fond: self made. S’ij hò cäpì polit ä säressän cui chë’ss rängiän ä fàa on pò dël tut për seu cunt, bricoleurs ä ziressän ij fräncss. Murador, tubistä, ‘tricistä, sbiänchìt, pùavërz e viä dicc. Ghë ‘n n’è ‘nä squadrä incä Cäsàl, chë iutän in päròchiä; ël don Enrico, int ël seu diälèt mézz ëd lä bassä e mézz ëd lä vàal, ägh zévä ‘quèi là’. Ël Mleto, ‘l Piti, ‘l Luis, l’Enzo, ël Germano bonanimä, ël Gaudenzi. Së’l gh’è dë pituràa on mur, rängiàa ‘n uss, cämbiàa ij lämpädin d’in gesä l’è sé ciämàa ‘quèi là’, lor a ruvän e… tàch! Tutt ä pòst.

E ijlorä säréss self made = quèi là.

Opurämént am vëgn in mént che quänd chë sevi bòciä e ‘l g’evi de fàa ‘nä quai ròbä navi ciämagh däl me pà e lui ‘nä vòtä ‘m lä mostravä ma peui, së navi tornä, am disevä: “Dèss vardä on pò dë rängiat!”

Ecco, lä traduzión lä podaréss vèssä costä: self made = vardä on pò dë rängiat.

L’è gnuvä longä, särà mei fërmass chi. Ij èoti päròl… lä smänä chë vëgn, se cui dlä redazión am sopòrtän incorä.

Alegär.
                                                                                                        barbä Bonìn


Giacomo da Omegna – Riva per chi legge L’Informatore, visto che lavora alla Riva di Fondo – scriveva la scorsa settimana dei recenti eventi omegnesi e citava termini inglesi, chiedendo agli artigiani del dialetto di tradurli nelle nostre parlate. Street boulder, spinning, parkour, scout, self made… Tutte cose moderne che solo così si possono definire… O no?

Cominciamo dall’ultimo: self made. Se ho ben compreso si tratterebbe di quelle persone che si ingegnano a far da sè un po’ di tutto, bricoleurs li definirebbero i francesi. Muratori, idraulici, elettri cisti, imbianchini, giardinieri eccetera. Ce n’è un gruppo anche a Casale in aiuto alla parrocchia; don Enrico, nel suo dialetto per metà della bassa (novarese) e per l’altra metà della valle (Strona), li definiva ‘quèi là’. L’Amleto, il Piti, il Luigi, l’Enzo, il Germano buonanima, il Gaudenzio. Se c’è da imbiancare una parete, riparare una porta, cambiare le lampadine in chiesa basta chiamare ‘quèi là’, loro arrivano e, come d’incanto! Tutto va a posto.

Quindi potremmo tradurre self made = quèi là.

Oppure ricordo che da ragazzo, se dovevo fare qualche cosa, andavo da mio padre a chiedere spiegazioni e lui la prima volta mi insegnava, ma la seconda mi diceva: “Dèss vardä on pò dë rängiat!” (Adesso vedi un po’ di aggiustarti da solo!)

Ecco, forse questa è la versione migliore: self made = vardä on pò dë rängiat.

L’ho fatta lunga e sarà meglio che mi fermi qui. Le altre parole… la prossima settimana, se in redazione mi sopporteranno ancora.

Allegri!




Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Dialetto / dialetti

permalink | inviato da CasaleCorteCerro il 20/5/2012 alle 6:58 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

10 ottobre 2011

ON GIRANI

 

dal bollettino parrocchiale di Ramate n. 2, 09-01-2011
 
ON GIRANI
di Italo Dematteis
Squàas gajàrd, fòra sul mur,
là al sol o a mèzz’ombrìa,
on girani ad tri color
bondanzios a dàa ligrìa.
Ij fòj dricc facc a crispìn,
striài bianch su vërd dij brisciol,
plùus d’on péel curt e molzìn
e fior a mazz ross comè vìsciol.
Stì virtù fòo ad l’ordinari
in teust svanìi e… cambià ‘l gir,
l’han logà, a mutàa scinàri,
int on cantón, lontan dal mur.
Què è ristà dij compliment
p’al vigor da tanci està
adèss ch’lè biot e da ornamént
pòchi fòj ad color smontà?
Da gnìi vecc e ristàa bel
la vòja ‘gh l’è, ma stupidòta:
quand “finiss al gamissél…
da fàa maja guà dismëta…”
L’impietosa condizión
anca ij séens dàsi snatura…
e fin la luna da aprensión
ch’a slonga ombrìi a dismisura.
Gniù d’infesc a vista e spazi,
insì, ‘l girani, al fa da specc.
S’al varda, ‘ss pensa e… scerch silenzi,
garbà e cortes com chi vegn vecc.
Ij ram spuej prov carazzàa…
fòrse agh bsògna un po’ d’amor
par rinvardìi e magari dàa
incùu ligria, fòo dal mur.
 
UN GERANIO
Quasi prestante, fuori, sul muro,
là al sole o a mezz’ombra,
un geranio di tre colori
generoso a donare allegria.
Le foglie ritte fatte a ventaglio,
striate di bianco su verde– ginepro,
vellutate di un pelo corto e morbido
e fiori a mazzo rossi come ciliegie.(visciole).
Queste virtù straordinarie
sono tosto svanite e cambiato il giro,
lo hanno collocato, a mutare scenario,
in un angolo … lontano dal muro.
Cosa è rimasto dei complimenti
al gran vigore di molte estati
ora che è nudo e da ornamento
poche foglie e colori sbiaditi?
Di diventare vecchi e restare belli,
la voglia c’è … ma è insensata;
quando “termina il gomitolo
bisogna smettere di fare maglia…”
L’impietosa condizione
anche i sensi lentamente snatura …
e persino la luna provoca apprensione
che allunga le ombre a dismisura.
Diventato ingombro per la vista e gli spazi,
così, il geranio, fa da specchio.
Lo si guarda, si pensa e… si cerca silenzio
garbato e cortese con chi invecchia.
I rami spogli provo carezzare …
forse necessita di un po’ d’amore
per rinverdire e magari dare,
ancora allegria, fuori dal muro.
 

grafia normalizzata piemontese a cura della Compagnia dij Pastor; per la grafia originale click qui


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. dialetto / dialetti

permalink | inviato da CasaleCorteCerro il 10/10/2011 alle 21:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

10 ottobre 2011

Ël gamolón

 

dal Bollettino Parrocchiale di Ramate, n. 39, 3 ottobre 2010
 
Ël gamolón
di Italo Dematteis
(3° premio al Concorso “Armando Tami” di Villadossola 2007)
 
Insëmä, vizi e balordài
jin nacc tucc a fàas bënidìi…
e l’argàus, ormai mòch mòch
a onz a onz al va… a sparìi…
Dèss, l’è ‘l fiamìn dla mé busìä
‘l gamolón chë infastidìss…
“Trëmi, fagh fum e… schèrzi miä…”
‘l dìis, e insìst: “Gh’è la scérä chë finìss!”
a scotàal, ass vëgn nèch, ass märmòtä…
ma “Di ‘m ni voarda!” intrigàa sgént
che la criticä pòrtä bëgn
së s’inconträ on vécc contént!
A isulàas ass va int on garbuj,
ass bramä ass scërch la compagniä:
l’è comè aij caudogn ad luj
al soliev ch’a dà n’ombrìä.
Peu, ad paròl s’è incùu golos…
insì d’odor ëd èrba ròsa…
a vardàa folài ëd pofia
tajàa l’aria a bisabòsa…
E la natura?! Ël butàa smenz
l’incimentàa… squàas al striàa.
Ròb da pòch? Fargaj ad séens?
Fior in ‘na stagión sfioriä?
L’è al masaràa dla brascä.
Sanza fiama né calor,
pòca sciändrä… più pälisch…
ma sot sot ass sent ch’a triscä.
Basta on colp, ligéer, ad ‘na buscä
e… lusìiss!
Ël feugh dent incùu l’è visch!
Ël gamolón lassa ch’al disä:
stàa a scotàal e… schìisc, fa cito…
peu… ch’a siä cum si siä.
 
Il grosso tarlo
Assieme, vizi e balordaggini,
sono andati a farsi benedire …
e l’orgoglio, mogio, mogio,
un po’ alla volta va … a sparire …
ora è la fiammella della mia “bugia”
il tarlo che dà fastidio:
“Tremo, faccio fumo e … non scherzo …”
dice, insiste: “E’ la cera che sta per finire”.
Ad ascoltarlo, fa intristire, si borbotta …
ma “Dio me ne guardi!” a coinvolgere gente
convinta che porti bene
incontrare un vecchio contento.
A isolarsi si va in un groviglio
E si brama, si cerca la compagnia.
E’ come alla calura di luglio
il sollievo che dà un’ombra.
Poi… di parole si è ancora golosi …
così del profumo dell’erba rosa…
il guardare folate di polvere
tagliare l’aria a zig zag…
E la natura?! Il germogliare dei semi
provoca e quasi ammalia …
cose da poco? Briciole di sensi?
Fiori di una stagione sfiorita?
E’ il macerare della brace.
Senza fiamma né calore,
poca cenere, non più scintille…
ma sotto sotto si sente crepitare:
basta un colpo, leggero, di un filo d’erba
e… luccica!
Il fuoco dentro è ancora vivo.
il grosso tarlo lasciamolo parlare:
ascoltarlo e … calmo, stare zitto…
poi, sarà … in qualunque modo.
 
Note:
Argaus: orgoglio
Busìa: piccolo candeliere
Di m’ni voarda: Dio me ne guardi
Garbuj: groviglio
Erba ròsa: specie di geranio
Bisabòsa: a zig zag
Incimenta: provoca, stuzzica
Striàa: stregare, ammaliare
Triscàa: scoppiettare, crepitare
Buscä: filo d’erba
Comsissia: comunque, in qualunque modo.
 

grafia normalizzata piemontese a cura della Compagnia dij Pastor; per la grafia originale click qui


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. dialetto / dialetti

permalink | inviato da CasaleCorteCerro il 10/10/2011 alle 21:27 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

12 aprile 2011

ÄRGORDÄND ËL MIDIO DË RÄMÀ

 

Sevi viä.
Quänd son gnu ca,
për combinazión,
t’hò trovà äl Cässinón
in tra ij cart vècc
dë cui che n’hän lässà.
 
On pugn sul stòmigh,
däl frëcc dat dént
e n’infinità ‘d rigòrd
dä l’età pussè bèlä
chë së sròtolän
in lä méent
comè ’nä tapärèlä
chë s’è rot lä còrdä.
 
Se ä tutä lä sgént
chë t’è facc ghignàa
e divërtìi
gh’è scäpà ’nä lacrimä,
comè ä mi,
lä Stronä
särà bè naciä in buzzä…
 
La scorsa settimana davamo notizia della scomparsa di Emidio Pitzalis, mitico personaggio che per tanti anni ha caratterizzato la piccola comunità di Ramate, universalmente noto per la sua presenza nella vita della parrocchia, per il suo inossidabile buon umore e per la sua discreta, disinteressata e concreta partecipazione a tante iniziative del paese. Un amico che preferisce rimanere anonimo – anche nei confronti di questa redazione – ci ha fatto pervenire questo ricordo che ben s’intona con il ‘personaggio’. Lo pubblichiamo volentieri, trascritto nella grafia normalizzata della lingua piemontese riferita al dialetto casalese, in modo che possa essere letto e apprezzato anche al di fuori dei confini di questo nostro paese.
 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. dialetto / dialetti

permalink | inviato da CasaleCorteCerro il 12/4/2011 alle 18:43 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

23 febbraio 2011

Dialetti e cultura tradizionale all'UNI3 di Omegna

 

UNI3 Omegna – anno accademico 2010/2011
Lingue, dialetti e cultura tradizionale
Omegna, il Cusio, l'Italia nord occidentale
 
Corso a cura dell'Associazione culturale Compagnìa dij Pastor, con il patrocinio di Ecomuseo Cusius del Lago d’Orta e del Mottarone
 
Dopo il buon successo degli scorsi anni, viene riproposto il corso sulle parlate locali e la cultura materiale di Omegna, del Cusio e del Piemonte.
 
Incontri previsti:
 
1.       Tra dialetti e culture materiali: problemi di trascrizione di una lingua parlata.
2.       Piänt, ërbìt e boscogn. Appunti di botanica popolare.
3.       Mille anni di letteratura piemontese.
4.       Dal Po ai navigli e ritorno Torino e Milano nelle canzoni dialettali.
5.       Vecchie storie di paese. Fiabe e leggende cusiane.
6.       Ij ricèt dal professor. Cucina poetica di un crusinallese doc.
 
Il corso si terrà presso il Forum di Omegna, dalle ore 15,00 alle 17,00, nei giorni di giovedì
10, 24 febbraio, 3, 17, 31 marzo, 7 aprile 2011
 
N.B. Per motivi di organizzazione l’esatta successione degli incontri sopra elencati sarà comunicata nel corso del primo incontro.
 
Relatore
·         Massimo M. Bonini: insegnante, giornalista, ricercatore, docente di lingua piemontese
 
Agli incontri potranno inoltre prendere parte esperti delle materie di volta in volta trattate
 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. dialetto / dialetti

permalink | inviato da CasaleCorteCerro il 23/2/2011 alle 19:4 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

22 febbraio 2011

Corso di lingua piemontese nelle varianti del VCO


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. dialetto / dialetti

permalink | inviato da CasaleCorteCerro il 22/2/2011 alle 18:51 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

6 giugno 2010

Sono arrivate le 'Cerrine'

 
RICETTE

LECCORNIE
Sono arrivate le Cerrine!..
Farina, burro, zucchero, nocciole tostate, uova, sale e aromi naturali. E’ la ricetta studiata dai bambini delle scuole di Ramate, con le maestre e le mamme, in occasione della festa di venerdì scorso.
Hanno mescolato tutte queste buone cose, hanno formato dei biscotti a forma di foglia di cerro e poi li hanno portati a cuocere al forno del Fenaroli.
Ne è uscita una golosità…
Provate, gente… Provate!
LICARDËRÌJ
Ël gh’è ruvà ij Scërìin!..
Färinä, butér, zuchër, välän brusätài, euv, sal e ‘nä quai èrbä për dagh prufùm. L’è lä ricètä ch’ij hän studià su ij mätài dlä scòlä dë Rämà, cont ij sòv maèstär e ij sòv màm, për lä fèstä dë vënär pässà.
Ij hän trosà su tutä ‘stä bonä ròbä, hän täjà fòrä dij biscotìt fëcc comè dij fòi ëd scèr e peui ij hän portèi còsä int ël prëstìn dël Fenaròli.
Ghè gnu fòrä ‘nä golardëriä…
Provè, sgénti… Provè!


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Dialetto / dialetti

permalink | inviato da CasaleCorteCerro il 6/6/2010 alle 20:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

26 maggio 2010

Convegno di studi sulle parlate locali

 

PARLATE LOCALI DEL VERBANO CUSIO OSSOLA E ALTO NOVARESE
 
La Compagnia dij Pastor - associazione cusiana per lo studio e la valorizzazione del patrimonio linguistico e culturale tradizionale – in collaborazione con la città di Omegna e il comune di Pieve Vergonte, nel quadro della Fèsta dal Solstizi d’Istà 2010, propone PARLATE LOCALI DEL VERBANO CUSIO OSSOLA E ALTO NOVARESE - TESTIMONIANZE DI RICERCATORI E APPASSIONATI. Un’occasione per fare il punto sui ‘lavori in corso’ nel campo della conservazione e valorizzazione della cultura tradizionale e delle parlate locali, tra dialetti e lingue regionali.
PIEVE VERGONTE, CENTRO CULTURALE MARIO MASSARI
Sabato 12 giugno 2010, ore 15,00 – 18,00
Dopo il saluto delle autorità sono previsti gli interventi di Albina Malerba, direttrice della Ca dë Studi Piemontèis – Centro Studi Piemontesi di Torino, Massimo M. Bonini, presidente della Compagnia dij Pastor, Silvano Ragozza, ricercatore locale.
Seguiranno le testimonianze portate da ricercatori e appassionati provenienti da tutta la zona.
Hanno sin ora assicurato la loro presenza la Pro Senectute di Omegna, il circolo culturale La Marenca di Oggebbio, la Pro Loco di Quarna Sopra, l’Academia dal Risón di Novara e vari appassionati a titolo personale. Moderatore dell’incontro sarà il noto giornalista e scrittore ossolano Benito Mazzi.
L’iniziativa è patrocinata da Ecomuseo Cusius del Lago d’Orta e Mottarone e analogo sostegno è stato chiesto alla Provincia del Verbano Cusio Ossola.
 
Sabato 19 giugno la manifestazione si sposterà a Omegna, località Monte Zuoli – Giardini della Torta in Cielo, dove, alle ore 21, verrà acceso il Falò del Solstizio, con accompagnamento di musica tradizionale.
 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Dialetto/dialetti

permalink | inviato da CasaleCorteCerro il 26/5/2010 alle 18:17 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

2 marzo 2010

Corso di lingua e cultura piemontese

 

Corso lingua piemontese nelle varianti del Verbano Cusio Ossola
EDIZIONE 2010
In collaborazione con Cà dë Studi Piemontèis – Centro Studi Piemontesi - Torino
 
Prenderà il via giovedì 11 marzo a Lunecco, presso la sede della ex comunità montana Valle Cannobina, la tredicesima edizione dei corsi di lingua regionale (dialetti) e cultura tradizionale organizzato dalla Compagnia dij Pastor del Verbano Cusio Ossola in collaborazione con la Cà dë Studi Piemontèis – Centro Studi Piemontesi di Torino. Anche per quest’anno sono in programma sette appuntamenti che porteranno i partecipanti – oltre un centinaio nell’edizione del 2009 – alla scoperta di angoli nascosti del territorio e degli aspetti più inconsueti della sua cultura.
Sotto la guida di esperti locali si potrà fare la conoscenza con le arti tessili della valle Cannobina, con il particolare dialetto di Varzo, con la grande poesia in lingua piemontese. E poi le vipere dell’Antigorio, le tecniche dei muri a secco in Anzasca, la realizzazione del carbone di legna in Antrona, la storia della linea Cadorna a Ornavasso, la musica, il suono delle parlate popolari, l’atmosfera… Sono questi gli ingredienti che da tanto tempo determinano il successo di quest’iniziativa. E una buona cena in compagnia, al termine dell’avventura, per consolidare le amicizie che nel frattempo si saranno stabilite.
La partecipazione è libera e gratuita – solo per la cena finale sono previsti il pagamento e la prenotazione obbligatoria. Gli interessati possono presentarsi direttamente agli incontri e per chi lo desiderasse è previsto il rilascio di un attestato di partecipazione.
Maggiori informazioni al sito web compagniadijpastor.ilcannocchiale.it o telefonando ai recapiti 0323 60975 o 334 2460473.
 
per la Compagnia dij Pastor
il presidente
prof. Massimo M. Bonini

 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Dialetto/dialetti

permalink | inviato da CasaleCorteCerro il 2/3/2010 alle 19:12 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

3 febbraio 2010

Corso di dialetto e cultura tradizionale

Compagnia dij Pastor

Corso lingua piemontese nelle varianti del Verbano Cusio Ossola
EDIZIONE 2010
In collaborazione con Cà dë Studi Piemontèis – Centro Studi Piemontesi - Torino
 
Giovedì 11 marzo 2010
h 17.00-19.00                                                           ”Tela da ca, réed e pedù: storie di fili e di trame
nella Val Tupa”
Ornella Ferrari, Marilena Ferrari e Gruppo
Folkloristico Valle Cannobina con la
                                                                       collaborazione dell’Istituto Comprensivo
Cannobio e Valle Cannobina
Lunecco - Valle Cannobina
Giovedì 18 marzo 2010
h 17.00-19.00                                                "Proverbi e modi di dire nella variente di Varzo:
il Dvarun"
Gli amici della Torre - Varzo - Valle Divedro
Giovedì 25 marzo 2010
h 17.00-19.00                                                “Vipar a Cròf”
Diovuole Proletti
Chiesa di Croveo - Valle Antigorio
Giovedì 15 aprile 2010
h 17.00-19.00                                                “Piòd e mirit a seuch… par fàa viva la montagna”
Antonella Spanò, Elio Volpone, Gianni Bretto
Sala Consiliare Comune di Vanzone - Valle Anzasca
Giovedì 22 aprile 2010
h 17.00-19.00                                                “La Carbònera”
Geo Minacci
Montescheno - Valle Antrona
Giovedì 6 maggio 2010
h 17.00-19.00                                                Lezione tenuta dal Centro Studi Piemontesi
Centro Culturale Massari - Pieve Vergonte
Giovedì 13 maggio 2010
h 17.00-19.00                                                “Ij fortificazion dal Montagnèt”
La linea Cadorna in valle Ossola
Fermo Massimo
Ristorante Lago delle Rose - Ornavasso
                                                                                  Seguirà cena di fine corso
(prenotazione obbligatoria)
 
La partecipazione al corso è gratuita, gli interessati possono presentarsi direttamente agli incontri.
 
Per informazioni
Compagnia dij Pastor, c/o Massimo M. Bonini
via Crebbia, 31 - via Belvedere, 19 - 28881 Casale Corte Cerro (VB)
tel. 0323 60975 - 0323 691048 - 334 2460473 - fax 0323 691048
compagniadijpastor@alice.it - http://compagniadijpastor.ilcannocchiale.it


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Dialetto/dialetti

permalink | inviato da CasaleCorteCerro il 3/2/2010 alle 18:10 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

16 gennaio 2010

Giornata Nazionale del Dialetto

 


AL MÉ DIALÈT

Càar al mé bél dialèt, insì rustigh,

ma’nsì caud e genuìn,

che hò’mparà dij vécc, ca mèa

quand a sévi ‘ma on gognin.

Càar al mé bél dialèt,

che n’han dacc in consègna ij nòsti avi,

ch’la mé maèstra a scòla

am vosava dré quand al parlavi.

Càar al mé bél dialèt,

che oma’mparà matai, int ij strai,

int al giogatàa,

fa disprési e balossàai.

Càar al mé bél dialèt,

che’nsì senza géna né timor,

hò parlà su ij uss dij fabrich,

quand son nacc cèrca al prim lavor.

Peui t’a m’è stacc a dré, int l’oficina, ‘mprenda ‘l misté,

e par capìin e fàa ij lavor polit, con precisión,

parlavom tucc dialèt,

operàri, cap, diritor e’nca ‘l padrón.

E t’ha m’è dacc ‘na man

int la stagión dal morosàa,

càar al mé bél dialèt,

quand gh’evi da fagh al fil aij matalèt.

Càar al mé bél dialèt, ‘na vòta sola t’ho tradì

(ass fàa par dìi)

L’è stacc col dì che’n gésa,

con lì riva, vistìa ad bianch, la mé morosa,

al prét a m’ha ciamà: “La vuoi per sposa?

“Sicur ch’la veui!” Avrési vorsù risponda.

Ma peui, con lì davanti ‘l prét,

cont al pinél da l’acqua santa’n man,

pian, pian ho dovù risponda: “SI”, ma in italian.

Ah! Càar al mé bél dialèt, purtreup,

la vòol savégan più da ti la gént al dì d’incheui;

a la gh’ha fin vargògna

mostragal ai seui fiuei.

Parlàa dialèt? Saroma mia mat!

Ass pèrd al rispèt,

a s’è gént gròssa, ordinaria,

tajàa giù cont al piolèt.

Par èssa gént ch’a cunta, incheui,

agh’va parlàa on perfèt taliàn,

e avégh cura da condìl

cont on po’ d’inglés american.

Weekend, okey, sit-in, meeting;

part-time, turn over, footing;

punk, drink, leasing;

baby, business, relax, stress.

Che confusión! Con tucc a sti paròl d’importazión!

Veui fàa on paragón: vun che… ‘nsì ‘l cambia mòda ‘d vistìi

si è rifatto il look”. Sarà!..

Ma “LOCH” par mi a l’è, e sarà sémpa stai

vun on po’ indormantà, on tardovài!..

Sarà ‘nca giust! Al mond l’è cambià, l’è gnù pisciàn,

a gh’è ‘l libero scambio, oma abolì ij frontiéer,

ma savessi coma l’è dura,

par vun compagn da mi, stagh a drè a ‘sta cultura.

Par furtuna gh’è ancora dla gént

chi ’nt ij neusti paés,

che a cèrti sotiglièzz

agh dan mia tant pés.

E van ‘vanti a ciamàa dis-genài

i miei figli ij méi matài

le arance ij portigài

l’imbuto al pidrieul

il balcone la lòbia, ò ‘l pogieul

il coperchio al quérc

il cerchio al scéersc

la castagna secca la margola

una persona alta on pinola

l’occhio l’eucc

il buco al beucc

on avaro on pieucc

l’asola la gassa

un chiacchierone on ganassa.

Il calendario l’è ‘l taquìn

una scodelletta l’è on ciaplotìn

la testa la crapa

un naso pronunciato la canàpia

il vino cattivo la scilàpa

se c’è confusione l’è on rabelòt

il mento ‘l barbaròt

E peui i bròch, la pata, la pauta, al rissigusc,

al carnasc, la cadrèga, al spatùsc,

l’ogieul, al parieul, al trosareul,

la sciandra, la caliscna, la narigia,

al zévar, la bugàa, la rusumàa.

E par ultim. il solaio l’è tassél, la spazzacà,

andova oramai al dialèt l’è stacc cascià!

Càar al neust bél dialèt!..

Gùèent, tignomal da cunt, parlomal dis-genài!..

Lasumal mia pèrda,

insignomagl aij matai!..

Lassoma pura ch’a disan che goma mia ad rispèt,

che soman tajai giù cont al piolèt,

che soman greuss, ordinari, ma par nui:

al vas da neucc l’è l’orinari

ij genitàl da l’òm ijn la marénda

cui da la dòna ijn la vargògna

e col da dré… l’è ‘l tafanari!

Gianluigi Dago, Crusinallo di Omegna

La poesia, quella che in assoluto ci pareva la più adatta a celebrare la prima giornata nazionale del dialetto, viene qui riprodotta utilizzando la grafia normalizzata fissata dalla Consulta regionale per la Lingua Piemontese. La scelta non vuole sminuire il lavoro originario dell’autore, né tanto meno mancare di rispetto alla sua opera; vuole piuttosto fare in modo che l’opera stessa possa essere apprezzata in tutto il suo valore da un pubblico ben più ampio di quello strettamente cusiano, tanto più che quest’ultimo ha comunque a disposizione la versione originale, pubblicata nel 1996 nel volume Quatar ball ‘n tal dialèt da Crusnall.

E al Gian, amico da una vita, vanno i nostri saluti e tutto il nostro affetto.

barba Bunin


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Dialetto / dialetti

permalink | inviato da CasaleCorteCerro il 16/1/2010 alle 23:11 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

11 gennaio 2010

17 GENNAIO, GIORNATA NAZIONALE DEL DIALETTO

                                                     


Nella ricorrenza di sant’Antonio abate, un dei più ‘antichi’ patriarchi della chiesa cristiana, legato a moltissime pagine della cultura tradizionale, si celebra la giornata nazionale dei dialetti.

L’idea, lanciata sulle pagine internet, più precisamente attraverso il social network Facebook, dal novarese Giorgio Ravizzotti, è stata accolta in tutt’Italia da moltissimi appassionati che si sono presi l’impegno, in quel giorno di pubblicare qualcosa, ognuno nel proprio dialetto, sui loro siti e sulle loro pagine web.

Da noi il testimone è’ stato raccolto dalla novarese Academia dal Risón e dalla cusiana Compagnia dij Pastor. Gli appassionati di dialetti sono quindi avvertiti: domenica 17 lä grän rägnàa dël mond (world wide web) sarà tutta per loro…


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Dialetto / dialetti

permalink | inviato da CasaleCorteCerro il 11/1/2010 alle 17:4 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

23 agosto 2009

NOMÄ SÄN VIT?

 

Ècco, gh’è ruvà lä fin d’agost e cui d’Omëgnä ijn dré chë priparän ij feugh për l’ultimä dominicä. Gh’è ruvà lä fin d’agost e’l ghè tornä scià Sän Vit.

Disärì: “Äl savésom miä, con tut ël manësc chë piäntän giù…”

Ä n’è bè vérä, ma qua vorì fagh, ij Luv ijn fècc ossì, ij hän sémpä dä mëtäs in mosträ, dä fàa vëgä ch’ijn ij pussè brèv. Së dë no, che luv ä säréssän? Però gh’è dä’rcognossägh ch’ijn in gämbä ä mëtä in péi tut ël movimént, tänt è vérä che për Sän Vit ruvä sgént d’in do si siä.

E peui, vorì mëtä lä nostälgiä dij béi temp, quänd chë sévom matälìt – o narigèt – quänd chë’ss partivä in vér serä, ä pè o in biciclètä, për nàa fàa on gir su pa ij giòstär, crompàa ‘l zucar filént, fërmas sotä ’l palco, d’ät nëgn dël Prëtòri, séntä lä bändä o värdagh ä dré ij majorett chë mitévän in mosträ ij snucc.

E lä sérä dij feugh? Che corsogn për podée ciäpàa on pòst in su lä rivä, pròpi d’ät nëgn dij barcogn dij foghistä, tucc schiscèi su e cont ël ris-c dë borlàa dént int ël lagh. E che invidiä pë’l sindigh e ij èoti autorità, chë podévän gòdä ‘l spetacol sitèi giù béi tränquil in sui posgieui dlä Cros Biäncä. Ma peui, quänd chë tacavä ij s-ciopëtai, ël ghévä eucc pu ma për cui; e ij „òoh“ e ij „àah“ dlä merävigliä ä gnévän fòo dä céntmilä boch, tutt votai ä l’insù.

Dòpo, int ël gni ca, ä s’ë ij cuntavom vun con l’aut. “T’è vist ël fior ross? E ij dui scésc chë smiavän ij ròv d’onä biciclètä? Agh cälavä domà lä moltiplicä…”

Sevom contént, ijlorä, ma incä pénä invidios, përchè cäpivom che né Sän Zòrz, né Säntä Cros, e gnäncä Sän Tomà – për quänt äss podéss fàa – gh’avréssän mai biù ‘nä fèstä bèlä comè colä ‘d Sän Vit.

Eh, ij Luv!..

barbä Bunin dlä Cort Cèrä

Lingua piemontese, variante di Casale Corte Cerro. Grafia normalizzata dalla Consulta Regionale per la Lingua Piemontese e adattata alle varianti locali dalla Compagnia dij Pastor d’Omègna.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Dialetto / dialetti

permalink | inviato da CasaleCorteCerro il 23/8/2009 alle 16:11 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

8 agosto 2009

Attrezzi agricoli

 

Babacio       spaventapasseri


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Dialetto / dialetti

permalink | inviato da CasaleCorteCerro il 8/8/2009 alle 19:0 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

18 luglio 2009

NOMÄ SCÒLÄ, MÄTÀI!

 

Pòl fàa strämän mëtäs dré pärlàa dë scòlä al més ëd luj, quänd mätài e magistër ijn in väcänzä e gh’hän in mént tut d’aut che libër e lavàgn. Ma l’è pròpi dë ‘sti témp che ‘nt ij scòol ass priparä ‘l lavor chë’ss tacärà fàa ‘l més ëd sitémbër, ä fàa ‘l cunt dij mätai neuv chë ruvarän; l’è dèss che ass mëtän a pòst ij bänchitt e ij cädrègh, ass crompän tucc ij ròb chë gnirän dabseugn pussè avanti. Incä ‘l més ëd luj int ij scòol ass lavorä.

Ècco përchè ij amìs dlä redazión d‘Omëgnä (dë L’Informatore) ij hän pënsà bëgn dë nàa trovàa ij diretor dij trëi scòol supérior, për ciämagh cunt dë com l’è ch’l’è nacc l’an ch’l’è pénä fornì e dë qua l’è chë‘ss pòl spiciàs dë col chë ‘l ruvä dént dë chi dui més.

Int a ‘sti ultim témp tucc ass loméntän; smëi che ij scòol, int a sto paés, varän pu nutä, chë’l gh’voòl cämbiàa fòo tutt. Mi, për mé cunt, dä vécc professor ché oramài son gnù – pòdi dìil, dòpo trëntätrì agn dë sto misté? – crëdi che ij mätài siän peu sémpä ij midésim, né méj né pésc che ‘nä vòtä. Së tròvän dij brèv magistër, chë sän dagh lä conoscénzä, mä speciälmént lä passión e’l rispèt, vëgnän su dricc e in lä vitä savrän fass valée. Ij genitor agh voòl dagh dë tràa, on po’, e peui savée quänd l’è ora dë mändài… E istéss ä val për i chèp, spéci për cui chë parlä tänt sënzä savée polit qua l’è chë disän.

E së vièoti chë lisgì si miä däcòrdi… vorì bè rängiàv.

barbä Bunin dlä Cort Cèrä

Lingua piemontese, variante di Casale Corte Cerro. Grafia normalizzata dalla Consulta Regionale per la Lingua Piemontese, adattata alle varianti locali dalla Compagnia dij Pastor d’Omègna.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Dialetto / dialetti

permalink | inviato da CasaleCorteCerro il 18/7/2009 alle 19:8 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

16 luglio 2009

Attrezzi agricoli

 
carél  attrezzo in legno, munito di corda, per legare i fasci di fieno da trasportare


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Dialetto / dialetti

permalink | inviato da CasaleCorteCerro il 16/7/2009 alle 21:47 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

12 luglio 2009

Attrezzi agricoli

 

Aderendo all'invito della Commissione Cultura Tradizionale di Ecomuseo Cusius, iniziamo a seguire il filone degli antichi attrezzi agricoli.
Invitiamo tutti gli amici a voler contribuire con fotografie e segnalazioni.



lä scvérä e 'l ristél (la gerla e il rastrello) foto di Angela Poletti


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Dialetto / dialetti

permalink | inviato da CasaleCorteCerro il 12/7/2009 alle 19:58 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

10 luglio 2009

Notizi dä chi preuvä

(notizie da qui vicino)

Dòv domänd al Sindigh d'Omëgnä... e ij sòv rispòst

Nèe lèsgiä chi'nsì    (clicca qui per leggere l'articolo)


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. dialetto / dialetti

permalink | inviato da CasaleCorteCerro il 10/7/2009 alle 18:18 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

12 giugno 2009

Fèsta dal Solstizi d'Istà 2009

 

Omègna Giugn 2009

A riva torna la

FÈSTA DAL SOLSTIZI D’ISTÀ

N’ogiàa… int ij tradiziogn dal Piemont e int ij sit dij Celti

(Uno sguardo… alle tradizioni in Piemonte e nelle aree celtiche)

Giovedì 18 giugno Giardini Pubblici Lungolago, ore 21.15 Concerto: TENDACHËNT

Musiche dalla nuova tradizione piemontese

Il gruppo “erede” della storica Ciapa Rusa presenta in anteprima il suo nuovo cd

Sabato 20 giugno Monte Zuoli FALÒ DAL SOLSTÌZI D’ISTÀ

Giardini della Torta in Cielo, ore 21.00 con la partecipazione del gruppo musicale BALBALÒRD, musiche e danze piemontesi

“La grän Nòcc dal Solstìzi d’Istà” con l’animazione di MAMO - “La grande Notte del Solstizio d’Estate” e l’atteso ritorno delle MASCHE PARPAJE

GRIGLIATA a cura della Pro Loco di Omegna

Domenica 21 giugno Oasi della Vita, Bagnella, ore 10,00 AL “DIALET” A SCÒLA. Il “dialetto” a scuola.

Incontro - dibattito in vista dell’elaborazione del progetto di insegnamento scolastico del dialetto omegnese e delle parlate del Vco per l’A.S. 2009/2010, alla luce della nuova Legge Regionale sulla Lingua piemontese

Intermezzo musicale dal vivo

Sabato 27 giugno Via Alberganti, ore 20,00 A SCENA ’NTLA CONTRÀA DAL BUTÉR

Cena popolare per la strada a cura e a favore della Sezione di Omegna della U.I.L.D.M.

Prenotazioni: 0323/61.930

Dal 1996, per più di dieci anni, dalle nostre parti abbiamo scelto di trascorrere il Solstizio d’Estate tra musiche, danze antiche e sperimentazioni artistiche moderne, tra momenti di sana allegria e incontri culturali. Ci siamo così divertiti con la musica piemontese e delle altre aree celtiche, abbiamo ritrovato i nostri dialetti, incontrato la Lingua regionale alla quale sono collegati ed abbiamo partecipato a diverse iniziative per salvaguardarli.

Certe tradizioni, vecchie o nuove, non possono morire mai. E così, dopo il grande rinnovato successo del 2008, anche quest’anno, la Festa dal Solstìzi d’Istà ritorna a Omegna con tutte le sue suggestioni, i suoni di un tempo e al tempo stesso modernissimi, il divertimento popolare e la riflessione sul futuro della nostra cultura e della nostra storia.

Non può certo mancare il celebre appuntamento gastronomico per la strada a Omegna, la Scena ’ntla contràa dal Butér, organizzata dalla Sezione di Omegna della Uildm e dalla Pro Loco, finalmente ritornata nella sua “sede propria” in cui è nata: la Festa dal Solstìzi d’Istà, per l’appunto.

Il Solstìzi organizzato dalla Compagnìa dij Pastor si è da anni affermato come un importante momento di incontro tra i numerosi appassionati della musica e cultura dei popoli Celti contemporanei e delle nostre tradizioni viventi, che con essi condividono l’antica origine comune.

Come sempre dalla sua prima edizione, la Fèsta è inserita nella prestigiosa rassegna piemontese Folkermesse ed è manifestazione centrale del Festival Intercèltich dël Piemont.

BENTORNATI E BUON DIVERTIMENTO A TUTTI

Gli spettacoli sono gratuiti e avranno luogo con qualunque tempo atmosferico

Il programma potrà subire lievi variazioni - INFO: 0323 61930 - 339 2306155

Informazioni: Pro Loco di Omegna, tel. 0323 / 61.930 
                       Compagnìa dij Pastor, tel. 339 / 23.06.155

http://compagniadijpastor.ilcannocchiale.it                              compagniadijpastor@alice.it


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Dialetto / dialetti

permalink | inviato da CasaleCorteCerro il 12/6/2009 alle 16:33 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

8 febbraio 2009

Corso lingua piemontese nelle varianti del Verbano Cusio Ossola

COMPAGNIA DIJ PASTOR  Associazione per lo studio, la conservazione e la diffusione del patrimonio linguistico e culturale tradizionale nei territori del Verbano Cusio Ossola e del Novarese

                                                              PROPONE

Venerdì 27 FEBBRAIO 2009 ore 17.00 - 19.00

IL CARNEVALE A DOMODOSSOLA: storia e "impegno" nel segno della tradizione

Presso ristorante “Ol Patachin", Domodossola, piazza Fontana

Relatore: prof. Paolo Volorio


Sabato 7 MARZO 2009 ore 20.30 - 22.30

MUSICA E SONADOR IN PIEMONT, lezione - concerto

Presso la sala della Comunità Montana Valle Ossola, Domodossola

Relatori - musicisti: proff.ri Sonia Cestonaro e Rinaldo Doro


Venerdì 13 MARZO 2009 ore 17.00 - 19.00

ANTOLOGIA DELLA POESIA DIALETTALE NEL PIEMONTE NORD-ORIENTALE

Pesso Centro Culturale M. Massari di Pieve Vergonte

Relatore: prof. Massimo M. Bonini


Venerdì 20 MARZO 2009 ore 17.00 - 19.00

In collaborazione con Ecomuseo Cusius del Lago d’Orta e del Mottarone

PELTRAI E PALAI, EMIGRANTI STAGIONALI DALLA VALLE STRONA

Presso la sala consiliare del municipio di Valstrona

Relatore m° Lino Cerutti


Venerdì 3 APRILE 2009 ore 17.00 - 19.00

IJ TRAFORÈT, L’EPOPEA DEI MINATORI DEL SEMPIONE

Presso la Torre medievale di Varzo

Relatore: Valerio Sartore


Venerdì 17 APRILE 2009 ore 17.00 - 19.00

IJ SCOFOJ E OL PATON, IL COSTUME TRADIZIONALE DELLA VALLE ANZASCA, CON UN'OCCHIATA ALLA TORRE MEDIEVALE DI BATTIGIA E SCOPERTA "DIJ TORT D'LA SENIVA"

Vanzone, valle Anzasca

Relatore: Antonella Spanò


Venerdì 24 APRILE 2009 ore 17.00 - 19.00

OL PASTOR GELINDO... OGGI ANCORA TRA NOI

Presso la chiesa parrocchiale di S.Ambrogio, Seppiana, Valle Antrona

Relatori: compagnia dialettale locale


Venerdì 8 MAGGIO 2009 ore 17.00 - 19.00

BARBA TONI BODRÌE. FRANCH SIVALIÉ D’ALPADA

a cura della Ca dë Studi Piemontèis

Presso ristorante “Ol Patachin", Domodossola, piazza Fontana

seguirà, per chi lo desiderasse, una cena a base di piatti tradizionali e... lieti eventi!


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Dialetto/dialetti

permalink | inviato da CasaleCorteCerro il 8/2/2009 alle 19:8 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

11 ottobre 2008

TORNA IL DIALETTO ALL'UNI3 DI OMEGNA

Sabato 18 ottobre, alle 15, presso l'auditorium del Forum di Omegna saranno presentate le attività per l'anno accademico 2008/2009.
In particolare il corso 'Lingue, dialetti e cultura tradizionale' curato dalla Compagnia dij Pastor con il patrocinio dell'Ecomuseo Cusius del Lago d'Orta e del Mottarone.
Per maggiori informazioni, click qui

Attenzione! Si parlerà molto di Casale, del suo dialetto, delle sue tradizioni. Quindi... non lasciatevi sfuggire l'occasione.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Dialetto/dialetti

permalink | inviato da CasaleCorteCerro il 11/10/2008 alle 19:24 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa

15 settembre 2008

LÄ STÒRIÄ DLÄ MÈRLÄ

 da Taquin dë cui dë Cäsàal edizioni 1999, 2000 e 2008

Disän che ‘nä vòtä ij mèrli ij évän biänch, biänch comè lä fiòcä, ma on dì Sgiänèr, chë ij lorä l’évä ‘l més pussè curt, s’è facc imprëstàa tri dì dä Fëvrèr e l’ha combinà on frëcc e talmént tänti tëmpèst che ‘nä pòvrä mèrlä cont ij seui mërlotit, ä nàa scondäss int on cämin për miä sgelàa.

Gh’è naciä bëgn, ma ijn gnui fòo cont ij pën négär däl fum e däl cälisgiän; dä colä vòtä li ‘nsì tucc ij mèrli ij stacc négär.

Custi ijn cui dì che l’invèrn chë fa pussè frëcc, ma subit dòpo vëgn scià prumavérä. ‘Nä vòtä ij sgiovinòti navän intorn, in su lä neucc, vosätënd: Ä l'è mòrtä!.. L'è mòrtä!.. Fòo Sgiänèr, dént Fävrèr, vivä lä mèrlä!.."

LA LEGGENDA DELLA MERLA

Si narra che un tempo i merli fossero bianchi come la neve, ma un brutto anno Gennaio, che era allora il mese più corto, si fece prestare tre giorni da Febbraio e imperversò con tali bufere e gelate da costringere una merla, con i suoi merlotti, a cercar rifugio dentro un comignolo per non morire congelata.

Si salvò, ma da allora il suo piumaggio, divenuto nero di fumo e caliggine, si trasmise a tutti i suoi discendenti.

In questi giorni l'inverno giunge al culmine e comincia a declinare verso la nuova primavera. Un tempo i giovani usavano girare di casa in casa motteggiando i residenti e concludendo i loro scherzi con la tiritera: "Ä l'è mòrtä!.. L'è mòrtä!.. Fòo Sgiänèr, dént Fävrèr, vivä lä mèrlä!.." (E' morta, è morta!.. Fuori gennaio, dentro febbraio, viva la merla!..)




permalink | inviato da CasaleCorteCerro il 15/9/2008 alle 22:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

5 settembre 2008

LA BATTAGLIA DELL’ASSIETTA

COLLE DELL’ASSIETTA - 19 LUGLIO 1747

La guerra della Prammatica Sanzione, o di successione austriaca, uno degli innumerevoli conflitti dinastici che insanguinarono l’Europa del diciottesimo secolo, si combatté dal 1742 al 1748 e vide scontrarsi Francesi e Spagnoli da una parte, Inglesi, Olandesi, Russi e Imperiali dall’altra. Il Piemonte, anzi il regno di Sardegna, che nel 1745 si era visto assegnare i territori del novarese e del Verbano Cusio Ossola, fino ai confini naturali del Ticino e del lago Maggiore, si schierò con questi ultimi e sostenne l’attacco francese sui confini alpini occidentali. Al piano dell’Assietta, sul crinale che separa le valli Susa e Chisone, avvenne la battaglia del 19 luglio 1747, un episodio minore nel quadro della guerra, ma che per i piemontesi assurse a particolare importanza per la disparità delle forze in campo e per aver consentito di salvaguardare Torino e la pianura da un’ennesima invasione francese. Tale ne è ancor oggi il ricordo, che l’Amministrazione regionale ha scelto la data del 19 luglio per la celebrazione della Festa del Piemonte.

Fu probabilmente la prima volta in cui gli uomini delle nostre valli combatterono sotto il Drapó sabaudo.

Questo è il racconto romanzato della loro partecipazione a quella gloriosa giornata.

LÄ BÄTAJÄ ‘D L’ASSIËTÄ - 19 ËD LUJ 1747

L’èvä staciä ’na prumävérä frëgiä, con tänt’acquä e tänt vént...

Col dì ’d masc, ël prum, ël Luis l’èvä drè prëparàa i bésti, chè subit dòp disnà saréssän nècc ä l’alp. Finälmént l’èvä gnù fòo ’l sol: miä për notä jévän stacc intorn tut lä neucc ä cäntàa: ”Gnirà mai on bél està, finchè masc särà cäntà...“

Ä misdì äss sarésän trovai, tutä lä compägnia, int l’ostäriä ’d lä täbächinä vègiä për fàa fòrä ij sälämit e’l sprèss dël masc e për saludas, ché peui fin l’autun äss saréssän vist bëgn dë ràr.

Ma l’èvä miä dëstin… On bòtt e méz, pròpi quänd jévän dré butà giù l’ultim bicér, ës prëséntä ’n su l’uss ël capural mägior ëd lä guardiä ciocä, ël Pèdär dë Risciän: ”Mätai, äm dispias për vijèoti, ma incheui ass và notä l’alp: äl ghè lä goèrä! Dë chi pòchi dì ’l gomä dë vèssä tucc in cäsèrmä, ä Cäsàal dël Monfrà“.

Ghévä pòch dë disscorä... Ij neusti, ’n prumä sotä lä bissä dij milänès, peui sotä l’èolä dij todisch, ël soldà l’èvän sémpä facc e sèvän polit chë’l ghévä notä dä fagh. Dèss lä bändérä l’évä gnoä biäncä e rossä, äss vosavä: “Savoia!“, ma lä sonà l’èvä sémpä istèss: “Cito, e cäminä!..“

E onsì s’évän trovai, giustä ’l témp dë säludàa cui dë cà, inviai për Omëgnä, insëmä cui dë Buj e cui dë Cranä, e dë Crusnàl e dë Scirèsc, viä për ël lagh e ij risèr ’d lä bàssa, fin ruvàa Cäsàal. Lì’nsì ghévän mëss in spalä on s-ciopätón, on grän sacäpän, ’nä märsinä celèstä e ’n caplasc neghër: guardij dël Regimént Cäsàal, pënsè ’n pò!..

Nisciun ël sèvä polit chè razzä’d goèrä fudéss; domà ël Giovanin Cälderón, chë l’èvä stacc pènä ’n zeminari studiàa dë prèv, l’evä riussì cäpìi chè ij nemìs, ä ’stä vòtä, ijèvän ij fräncés.

Com sì siä, ijèvän inviai in vèr Turin e peui su për ij montagn ‘d la val dë Susä, finchè on bèl dì, ël 18 ëd luj dël 1747, për vèssä precìs, s’evän trovai äl piän ’d l’Assiëtä, insëmä cui dël regimént Forgiàz, ij grenadiér dël Rè e tri ò quatar batajogn dë scvizzër.

Ghèvä on grän movimènt e ’l comändänt in cap, ël bigadièr generàl dël Ré, cont ëd Sän Sèbastiän, l’evä dàcc ordin dë tiràa sù ’n grän prèssä ’nä grän murajä për podèe difendä lä posiziòn. Ijèvän läoràa tut lä neucc, e lä mätin ä drè, strècch comè asän, ijèvän mëss tucc in filä a sèntä ’l discors dël comändänt.

”Soldai’d Savoiä“, ël disèvä’l generàl (ma’l pärlavä squas fräncès e ij neusti aurèsän cäpìi pòch e vèr aot, së’gh feuss notä stacc ël sòlit Cäldèròn ä spiegàa) “Goardi dël Cäsàal, goardi dël Forgiàz, grenadiér dël Rè“ (ma pë ij scvizzër gnäncä ’nä päròlä) “Là dët nëgn dë nui ël ghè ij fräncès, e ijn tënci, tënci pussè che nui... Ghè dë strimiss, ël sò polit, ma nijèoti piemontès än ciamän ij bogiänèn, e l’è pròpi cost chë’l ghi dë fàa incheui, carä ij mèi mätai: piäntè ij pèi për tèrä e bogèv notä dë ’n dovä chë sì, ä costä col chë costä! Dovrè ij s-ciòp, e ij baionët e ij sèss e ij ong, ma bogèv miä, përchè së cui là passän viä dë chi, somän bèli che dël gàt, nui e tucc ij neusti!..“

E ’nsì l’è stacc.

Gh’än dacc tut ël dì, ij fräncès, ma dët nëgn dë lor ghèvä cui dël Cäsàal: ghëvä cui dë Cäsàal, e dë Buj, e dë Crusnàll, e dë lä Vàl. Gh’än dacc tutt ël dì, ij fräncès, ma orä ’d lä serä agh n’è rëstai pù. Ghè rëstà pù ma ij neusti chë vosavän: “Sän Zòrz!” e “Savoia!” e migari incä ’l nom ‘d lä morosä…

E äss sintèvän piemontés incä lor, finälmènt, in mèzz a ij èoti piemontès.

Era stata una primavera fredda, piovosa e ventosa…

Quel primo di maggio, Luigi stava preparando gli animali con i quali, subito dopo desinare, sarebbe salito all’alpeggio. Finalmente si vedeva un poco di sole: non per nulla (con la compagnia) avevano girato l’intera notte a cantare: “Non potrà esservi una buona estate, se non verrà cantato il maggio…”

A mezzogiorno si sarebbero ritrovati, l’intera compagnia, all’osteria della vecchia tabaccaia per consumare i salamini e il formaggio ricavati dalla questua e per salutarsi, che sino al nuovo autunno avrebbero avuto ben poche occasioni per incontrarsi.

Ma il destino aveva deciso diversamente… Alle 13 e trenta, proprio mentre stavano scolando l’ultimo bicchiere di vino, si presenta sull’uscio il caporal maggiore della guardia civica, Pietro da Riciiano: “Ragazzi, mi spiace per voi, ma oggi non potrete salire all’alpeggio: siamo in guerra! Tra pochi giorni dovremo presentarci in caserma, a Casale Monferrato”.

Inutile discutere… I casalesi, prima sotto il piscione visconteo, poi sotto la bicipite austriaca, il servizio militare l’avevano sempre svolto e lo conoscevano come un dovere ineluttabile. Da qualche anno la loro bandiera era bianca e rossa, si gridava: “ Savoia!”, ma la sostanza non cambiava: “Zitti, e marciare!..”

E così, salutati i parenti, si erano ritrovati in cammino verso Omegna,in compagnia di quei di Buglio e di Cranna, di Crusinallo e di Cireggio, lungo le sponde del lago d’Orta e attraverso le risaie, fino a Casale. Lì li avevano dotati di fucile e tascapane, di un’uniforma azzurra con cappello nero: guardie del reggimento Casale, pensate!…

Nessuno di loro aveva la minima idea su quale guerra si dovesse combattere; solo Giovannino Calderoni, che aveva frequentato un poco il seminario, era riuscito a capire che questa volta si andava contro i francesi.

In ogni caso, erano stati inviati a Torino e poi in val Susa, fino a che, il 18 luglio del 1747, si erano ritrovati al piano dell’Assietta, insieme ai reggimenti Fourjaz e Granatieri del Re e ad alcuni battaglioni di mercenari svizzeri.

Vi era molta agitazione, là e il comandante in capo, brigadier generale conte di San Sebastiano, aveva ordinato di erigere in gran fretta una barricata a difesa della posizione.

Avevano lavorato la notte intera, e il mattino seguente, stanchi e assonnati, adunata per ascoltare il discorso del comandante.

“Soldati di Savoia,”, diceva il generale (ma parlava quasi in francese e i nostri non avrebbero capito nulla se non vi fosse stato il solito Calderoni a fare da interprete) “Guardie del Casale, guardie del Fourjaz, granatieri del Re” (ma nessun cenno agli svizzeri) “Làdi fronte ci sono i francesi e sono tanti, molti più di noi… C’è di che spaventarsi, lo so, ma noi piemontesi siamo soprannominati bogianèn, e proprio questo occorre fare in questa giornata, miei cari ragazzi: piante per bene i piedi e non vi muovete dal vostro posto, costi quel che costa! Usate i fucili, le baionette, i sassi, le unghie, ma non vi muovete, perché se quelli passano oltre, tutto il Piemonte è perduto.

E così fu.

Ci provarono per l’intera giornata, i francesi, ma di fronte avevano il Casale, avevano gli uomini di Casale, e di Buglio e di Crusinallo e della valle Strona. Ci provarono per l’intera giornata, i francesi, ma a sera non ne erano rimasti. Erano rimasti i nostri che urlavano: “San Giorgio!” e “Savoia!” e qualcuno anche il nome della fidanzata…

E si sentivano piemontesi anch’essi, finalmente, tra gli altri piemontesi.




permalink | inviato da CasaleCorteCerro il 5/9/2008 alle 22:2 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

22 aprile 2008

TRASCRIZIONE FONETICA DEI NOSTRI DIALETTI

Una versione aggiornata e migliorata della tabella fonetica è pubblicata in data odierna al bolg gemello Compagnia dij Pastor  http://compagniadijpastor.ilcannocchiale.it
clickate su link  "La lingua piemontese e le varianti locali".




permalink | inviato da CasaleCorteCerro il 22/4/2008 alle 21:58 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

9 gennaio 2004

UNA QUESTIONE LINGUISTICA


Problemi di grafia del dialetto casalese


Questo foglio pubblica volentieri testi in dialetto, convinto che la conservazione e la riscoperta della parlata locale sia fondamentale per conservare l’identità del paese in tempi di sfrenata e devastante globalizzazione. Il dialetto è però una forma espressiva tipicamente ‘parlata’ e chiunque provi a scriverlo si trova immediatamente di fronte a seri problemi fonetici e grammaticali. In pratica il dialetto casalese, come tutti quelli dell’Italia nord occidentale, presenta molti più suoni di quanti se ne trovino nell’italiano e assomigliando in ciò a lingue d’oltralpe quali il francese, il tedesco – le colonie walser sono a due passi da noi – o gli idiomi celtici parlati dai nostri antenati e ancora in uso nel nord Europa.


Molte sono le soluzioni proposte, da eminenti studiosi come da semplici appassionati, ma nessuna si adatta completamente alle esigenze del casalese. Ricordiamo in particolare i lavori del Beretta sul milanese e del gruppo dei Brandé, coordinato ora da Camillo Brero, sul piemontese: entrambi hanno prodotto grammatiche e dizionari poderosi; il piemontese è poi assurto al ruolo di lingua regionale grazie al riconoscimento di una legge della Regione, che da anni ormai organizza e finanzia corsi e attività per il recupero e la diffusione delle diverse varianti locali del piemontese stesso. In particolare tale legge fissa un sistema unificato di trascrizione dei testi che dovrebbe permetterne la corretta lettura a chiunque, anche non originario della zona cui il testo fa riferimento.


Anche Il Falò, entità culturale che opera sul territorio piemontese, benché tutta la nostra zona risenta fortemente degli influssi lombardi, tenterà quindi di adeguarsi progressivamente a tale sistema unificato, che cercheremo di illustrare progressivamente ai lettori, con l’intento di attirare sempre più persone all’interesse per la nostra parlata. Pubblichiamo, per iniziare, una piccola tabella con le regole di trascrizione delle vocali, ponendo particolare attenzione ai problemi causati dalle diverse intonazioni della o e della u, che possono portare i casalesi a confondersi facilmente.


Arrivederci alla prossima puntata; nel frattempo inviateci i vostri commenti.


Massimo M. Bonini

Adeguamento alla variante locale delle regole per la grafia unificata della lingua piemontese























ä


ha suono di a nasale-faucale quando precede n, m, gn e in finale di parola


män (mano), gämbä (gamba)


ë


ha suono di e semimuta (mèzzä mutä) come ä


ëd (di), përchè (perchè), numër (numero)


è


ha suono di e aperta


përchè (perché), formighè (formicaio)


é


ha suono di e chiusa


paés (paese), vécc (vecchio)


eu


ha suono simile al francese eu


fieul (figlio), pidrieul (imbuto)


o


ha suono di u italiana


cont (conte), pont (ponte), amor (amore)


ò


ha suono do o aperta


còr (cuore), sòva (sua), mòrt (morte)


ó


ha suono di o chiusa


cäntón (angolo, spigolo), cifón (comodino)


u


ha suono di u francese o di ü tedesco


butér (burro), tutt (tutto), murajä (muraglia)


ua


dopo la q ha suono normale ua


quàdër (quadro), quàj (qualche)


ùa


ha suono aperto, bisillabo, con u aperta


crùä (cruda), scondùä (nascosta)


j


ha suono simile alla i iniziale in ieri


quàj (qualche)


nella grafia piemontese la j ha talora solo valore etimologico; in genere si usa in corrispondenza con il gruppo gl italiano


muràjä (muraglia), pajä (paglia)

 

 




permalink | inviato da il 9/1/2004 alle 17:52 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

9 gennaio 2004

GRAFIA PIEMONTESE

Adeguamento alla variante locale delle regole per la grafia unificata della lingua piemontese

s

ha suono aspro in iniziale di parola

sàpä (zappa), salut (salute), sòfogh (afa)

ha suono dolce tra vocali o in fine di parola dopo vocale

sposä (sposa), vëntosä (ventosa), pas (pace)

ss

ha suono aspro tra vocali o in fine di parola dopo una vocale

nàssä (nascere), gàssä (asola), pàss (passo)

s-c

ha suono di s e c separati

s-ciòp (fucile), s-ciàss (fitto)

v

ha suono di u in finale di parola

luv (lupo), motìv (motivo), sòv (sue)

suona u all’interno di parola quando non corrisponde ad una v italiana

luva (lupa)

negli altri casi suona v

L’accentazione: sulle vocali a ed i ha solo funzione tonica, es. ciämà (chiamare), droà (adoperare), inciochì (ubriacare), sboghì (spaventato). Per le altre vocali, come già visto, la funzione tonica coincide il più delle volte con quella fonica.




permalink | inviato da il 9/1/2004 alle 17:48 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

9 gennaio 2004

UNA QUESTIONE LINGUISTICA

Problemi di grafia del dialetto casalese — parte seconda

‘Arrivederci alla prossima puntata; nel frattempo inviateci i vostri commenti’; si chiudeva così il precedente articolo su questo argomento. Per la verità non sono pervenuti commenti, ma nemmeno critiche o prese di distanza, per cui non resta che adeguarsi al vecchio adagio del ‘chi tace acconsente’ e supporre che la proposta possa essere accettata e condivisa. Ecco allora la seconda parte della tabella di trascrizione fonetica ed un piccolo esempio di applicazione della medesima.

Massimo M. Bonini

Ël spirit dë Sän CarlO

Il fantasma di San Carlo

Ël Luisìn l’evä vun chë’gh piäsevä ‘l vin, speciälment int i ser ‘d l’invèrn, quänd ël ghë scäudavä ‘l stòmigh e’gh favä gìi lä tèstä bèlä lingerä, con pu ‘d pënséer e ‘d preocupäziogn. Incä colä serä lì’nsì, ‘nt ël circol dë Bui, än n’evä trogià giù ‘n po’ ‘d bicer, për fàass coracc, che lä stràa fin ij Ars l’evä longä, ël frëcc tänt e lä nèbbiä tachisciä lä savä vëgä pòch e vèr aot.

S’evä invià dré vundës e mèzzä e quänd gh’è sonà mèzzaneucc ël pässava giustä dät nëgn d’lä gesä ‘d Sän Carlo; pë’l sòlit, pässand dë lì ‘l disevä on De profundis për i pòvër meurt, ma colä vòtä l’evä treupp cioch e së’n n’è pròpi dismëntigà. Ma… l’evä penä pässà viä lä gesä quänd s’è sëntù ciäpàa për lä sciarpä e tiràa, comè së voressän stropagh via lä zucä. Podì bè pënsàa ‘l strimizzi!…

“Pietà – ël vosavä ‘l Luisìn – ‘bbij compässión, spirit d’ij mei meurt!… Äm dismëntighërò pu’ ‘n orazión për vièuti… Ä bivërò pu’, mä dèss lässèm nàa, për l’ämor dël ciel”

E ‘l tiravä, e ‘l frozzavä, fin quänd lä sciarpä s’è disligà e lui l’ha podù scäpàa viä. L’è ruvà cà int on fià, s’è ‘nfrizzà sotä i lënzeui bèli vistì e l’è nacc ‘vanti bärbelàa tutä neucc senzä podée dromìi d’lä grän strofiä.

Lä mätin gh’ha biù dä pässàa dë Sän Carlo, për nàa läoràa ‘nt ij Cälderón; lä nèbbiä l’evä naciä viä e su pë ij bòrsciol chë vänzavän fòrä d’lä sciupä l’ha vist lä seu sciarpä ch’la dondavä. Ijlorä l’ha cäpìi che brutt schèrz gh’evä facc ël mëricän, e s’è mëss dré ghignàa.

Ma dä col dì la ‘l neust Luisin l’ha pù bivù, per miä corä ris-c, ël dis lui, e speciälment s’è pù dismëntigà ij oraziogn për ij pòvër meurt.

(traduzione letterale)

Luigino (personaggio di fantasia) era uno cui piaceva il vino, specie nelle sere d’inverno, quando gli scaldava lo stomaco e gli rendeva la testa leggera, senza più pensieri e preoccupazioni. Anche quella sera, al circolo di Motebuglio, ne aveva tracannati vari bicchieri, per darsi coraggio, che la strada per Arzo era lunga, tanto era il freddo e la nebbia appiccicosa non lasciava vedere quasi nulla.

Si era avviato intorno alle ventitre e trenta e al tocco della mezzanotte passava proprio di fronte alla chiesa di San Carlo (al cimitero); solitamente passando di lì recitava un De profundis per i defunti, ma quella sera era troppo brillo e se ne scordò. Ma… aveva appena superato la chiesa quando si è sentito afferrare per la sciarpa e tirare, come se gli volessero staccare la testa. Potete immaginare lo spavento!…

“Pietà – gridava Luigino – abbiate compassione, fantasmi dei miei defunti!… Non scorderò più una preghiera per voi… Non berrò più, ma ora lasciatemi, per l’amor del cielo”

E tirava, e tramestava, finché la sciarpa si è slacciata e lui ha potuto fuggire via. E’ giunto a casa in un baleno, si è infilato tra le lenzuola senza spogliarsi e ha continuato a battere i denti per l’intera notte, senza poter dormire per lo spavento.

Il mattino successivo, per recarsi al lavoro alla Calderoni, ha dovuto passare di nuovo da San Carlo; la nebbia era scomparsa e sui rovi che sporgevano dalla siepe ha potuto veder dondolare la sua sciarpa. Ha compreso allora il brutto scherzo giocatogli dal vino americano e s’è messo a ridere.

Ma da quel giorno, Luigino non ha più bevuto, per non correre rischi, dice, e soprattutto non ha più scordato le orazioni per i defunti.

(racconto della tradizione locale, liberamente rielaborato)




permalink | inviato da il 9/1/2004 alle 17:46 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

9 gennaio 2004

GOLARDËRÌI - Golosità

TORTÄ DËL PÄN

Veutä ciäpàa ‘nä filä ‘d michëtt pòss e moiai giù ‘nt l lacc për ’nä quai orä, finchè vëgnän bèi molzìin. Peui tocä ciäpai in män e monisciai piän piän për disfai forä e fai gnìi ‘na potinä noasètä, chë ‘s cäpiss pù qual l’è ‘l pän e qual l’è ‘l lacc.

Dòpo ‘s gratä dènt lä pèll d’on béll limón e ‘n béll tòcch ëd cicolat néghër, col màar chë ‘gh dan viä äi soldai, con su lä bändèrä. ‘Nä vòtä, però, quänd ël cicolat äss sevä gnänch coss l’evä, ‘s grätavän i giänd dij pèrssich, cui chë’l ghè dènt in lä rolä, tignui dë cunt ‘d l’ëstà.

Ä së’gh giontä ij euv dël polèr, ‘nä gämbä ‘d vänilinä, zucär e ‘n bèl tòcch ëd butèr. On quai vun ägh mëtt dént incä l’ughëtä passä.

Äss trosä polit, äss lassä possà e peui ëss vòiä int ij bièll, giamò vonsgiui con butèr; cinq ò sés pluchitt ëd buter sorä e viä, int ël forn bèl caod.

Dòpo ‘n parä d’or lä tortä l’è prontä. L’è sé ‘sàlä gnìi frëgiä e peui ‘s pòl täialä fòo ä fitit e mëtäs dré päciàlä, piän piänin, comè së foss dë recitàa n’orazión.

Peui on bicèr ëd mëricänin, ò ‘d moscà, së s’è pròpi sciori, lä loghërà ‘l seu pòst, ä spiciàa lä figäscinä…

Bonin

Testo scritto in casalese con l’impiego delle convenzioni fonetiche e ortografiche fissate dalla Consulta per la Lingua Piemontese e ufficialmente adottate dalla Regione Piemonte




permalink | inviato da il 9/1/2004 alle 17:15 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
febbraio