.
Annunci online

 
CasaleCorteCerro 
Storia, tradizioni, cronaca di un paese di montagna
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Massimo M. Bonini
La Stampa VCO di oggi
Le Storie del Bunin
Comune di Casale Corte Cerro
Parrocchie di Casale Corte Cerro
Parrocchie CasaleCC blog
UOEI Casale C.C.
Sci Club Casale Corte Cerro
Fotoclub L'Obiettivo Casale C.C.
Comitato Insieme per Casale
Il Cittadino - periodico casalese
Vivere Casale
Il Monte Cerano
Compagnia dij Pastor
Storia del lago d'Orta
Informazioni Turistiche
Ecomuseo Cusius del Lago d'Orta e del Mottarone
Ecomuseo Cusius blog
Girolago
Il lago dei misteri
Orta blog
Orta.net
Corporazione dei Bardi
Magazzeno Storico Verbanese
IPIA Dalla Chiesa Omegna
Lingue e Dialetti
  cerca

Casale Corte Cerro

provincia del Verbano Cusio Ossola, Piemonte nord-orientale.
Situato nella val Corcera, tra lago d'Orta e lago Maggiore, il suo territorio è adagiato sulle pendici dei monti Zuccaro e Cerano, dai 200 ai 1700 metri di altitudine.
Gli abitanti sono 3500, distribuiti tra il capoluogo e le 14 frazioni.



I testi pubblicati in questo blog, ove non diversamente indicato, sono scritti da Massimo  M. Bonini - barbä Bonìn

I testi dialettali sono trascritti utilizzando le regole fonetiche fissate dalla Consulta Regionale per la Lingua Piemontese, adattate alle varianti locali dalla Compagnia dij Pastor.
 

 


I post presenti in questo sito vengono replicati all'indirizzo http://casalecortecerro.blogspot.com

Casale Corte Cerro e Massimo M. Bonini sono presenti in Face Book.
 


 

Diario | Libri | Raccontando | Storia | Cultura tradizionale | Dialetto / dialetti | Notizie casalesi | Proverbi | Santi casalesi | Territorio | Leggende | Fiabe | Canti | Politica amministrativa | Pubblicazioni casalesi | Casale com'era |
 
Diario
1visite.

13 ottobre 2014

CÄSÀAL GH'È MAI NOTÄ?

A Casale non succede mai nulla… É una frase che si sente spesso in paese, pronunciata da persone di ogni età e condizione. Ci riferisce alla presunta mancanza di occasioni di svago e socializzazione, a una ipotetica condizione di 'morte civile' del paese che provocherebbe l'emigrazione del sabato sera e non solo. Ma sarà veramente così?

Prendiamo ad esempio il periodo appena trascorso. Vado a rileggere le notizie delle scorse settimane e trovo l'Oktoberfest, tre serate di divertimento a cura della Pro Loco, il corso di dialetto – che proseguirà nei prossimi mesi come ciclo di conferenze sulla cultura tradizionale, nell’intento di istituire anche a Casale una università popolare (Uni3) - al museo della Latteria Consorziale, spettacoli di teatro dialettale e per bambini al Cerro, presentazioni di libri e dei relativi autori, proiezioni fotografiche e chiacchierate musicali curate dal foto club L’Obiettivo e dai circoli Arci, gite e corsi di ginnastica a cura dell’associazione Promozione Anziani. Il tutto nell’arco delle sei settimane trascorse dal termine della stagione estiva.

So inoltre per certo che sono in fase di organizzazione numerosi altri momenti di festa, concerti, spettacoli, conferenze curate da diverse associazioni del comune, tanto da rendere assai ricca e interessante l’offerta complessiva di eventi sino alle prossime festività di fine anno.

A Casale non c’è mai nulla? Fatti i debiti confronti oserei affermare che, in proporzione alla popolazione e alle risorse disponibili, Casale sia nella zona uno dei centri più vivaci e dinamici.

Quello che invece sconforta è la scarsa partecipazione della cittadinanza a tutte queste iniziative, dove le facce che si incontrano sono sempre le stesse e dove spesso si incontrano più foresti che casalesi. Motivazione? “Non ne sapevo nulla!” è la più ricorrente, seguita da “Non ho tempo” e da “Non mi interessa questo, ci vorrebbe ben altro” (ma cosa, esattamente?)

Mancanza di informazione? Tutte le occasioni vengono pubblicizzate attraverso i tradizionali mezzi di comunicazione: giornali locali, bollettini parrocchiali e associativi, locandine affisse in tutti i luoghi pubblici e spesso consegnate personalmente ai possibili interessati. Sono poi ampiamente sfruttati i nuovi sistemi di comunicazione via internet attraverso siti web, blog e pagine dei social network. Personalmente continuo a mettere a disposizione il lavoro di cronista volontario attraverso le pagine dei settimanali diocesani e i miei siti web, a condizione che le notizie da pubblicare pervengano con almeno una settimana di anticipo.

Un problema reale è invece costituito dalla frequente sovrapposizione delle iniziative, dovuto al lavoro frazionato dei vari organizzatori. A questo si potrebbe rimediare comunicando con un buon anticipo cosa ‘bolle in pentola’ a una centrale unica di informazione, attività che l’assessorato comunale alla cultura sta da tempo cercando di organizzare, con poche risposte e conseguenti scarsi risultati, purtroppo. Speriamo che si possa arrivare per il futuro a una maggiore apertura reciproca e a un miglior coordinamento, ma “Cäsàal gh’è mai notä” ci sembra veramente un’osservazione priva di fondamento.

Massimo M. Bonini – barba Bonin    



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. diario

permalink | inviato da CasaleCorteCerro il 13/10/2014 alle 15:36 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
settembre        novembre