.
Annunci online

 
CasaleCorteCerro 
Storia, tradizioni, cronaca di un paese di montagna
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Massimo M. Bonini
La Stampa VCO di oggi
Le Storie del Bunin
Comune di Casale Corte Cerro
Parrocchie di Casale Corte Cerro
Parrocchie CasaleCC blog
UOEI Casale C.C.
Sci Club Casale Corte Cerro
Fotoclub L'Obiettivo Casale C.C.
Comitato Insieme per Casale
Il Cittadino - periodico casalese
Vivere Casale
Il Monte Cerano
Compagnia dij Pastor
Storia del lago d'Orta
Informazioni Turistiche
Ecomuseo Cusius del Lago d'Orta e del Mottarone
Ecomuseo Cusius blog
Girolago
Il lago dei misteri
Orta blog
Orta.net
Corporazione dei Bardi
Magazzeno Storico Verbanese
IPIA Dalla Chiesa Omegna
Lingue e Dialetti
  cerca

Casale Corte Cerro

provincia del Verbano Cusio Ossola, Piemonte nord-orientale.
Situato nella val Corcera, tra lago d'Orta e lago Maggiore, il suo territorio è adagiato sulle pendici dei monti Zuccaro e Cerano, dai 200 ai 1700 metri di altitudine.
Gli abitanti sono 3500, distribuiti tra il capoluogo e le 14 frazioni.



I testi pubblicati in questo blog, ove non diversamente indicato, sono scritti da Massimo  M. Bonini - barbä Bonìn

I testi dialettali sono trascritti utilizzando le regole fonetiche fissate dalla Consulta Regionale per la Lingua Piemontese, adattate alle varianti locali dalla Compagnia dij Pastor.
 

 


I post presenti in questo sito vengono replicati all'indirizzo http://casalecortecerro.blogspot.com

Casale Corte Cerro e Massimo M. Bonini sono presenti in Face Book.
 


 

Diario | Libri | Raccontando | Storia | Cultura tradizionale | Dialetto / dialetti | Notizie casalesi | Proverbi | Santi casalesi | Territorio | Leggende | Fiabe | Canti | Politica amministrativa | Pubblicazioni casalesi | Casale com'era |
 
Diario
1visite.

5 settembre 2008

LA BATTAGLIA DELL’ASSIETTA

COLLE DELL’ASSIETTA - 19 LUGLIO 1747

La guerra della Prammatica Sanzione, o di successione austriaca, uno degli innumerevoli conflitti dinastici che insanguinarono l’Europa del diciottesimo secolo, si combatté dal 1742 al 1748 e vide scontrarsi Francesi e Spagnoli da una parte, Inglesi, Olandesi, Russi e Imperiali dall’altra. Il Piemonte, anzi il regno di Sardegna, che nel 1745 si era visto assegnare i territori del novarese e del Verbano Cusio Ossola, fino ai confini naturali del Ticino e del lago Maggiore, si schierò con questi ultimi e sostenne l’attacco francese sui confini alpini occidentali. Al piano dell’Assietta, sul crinale che separa le valli Susa e Chisone, avvenne la battaglia del 19 luglio 1747, un episodio minore nel quadro della guerra, ma che per i piemontesi assurse a particolare importanza per la disparità delle forze in campo e per aver consentito di salvaguardare Torino e la pianura da un’ennesima invasione francese. Tale ne è ancor oggi il ricordo, che l’Amministrazione regionale ha scelto la data del 19 luglio per la celebrazione della Festa del Piemonte.

Fu probabilmente la prima volta in cui gli uomini delle nostre valli combatterono sotto il Drapó sabaudo.

Questo è il racconto romanzato della loro partecipazione a quella gloriosa giornata.

LÄ BÄTAJÄ ‘D L’ASSIËTÄ - 19 ËD LUJ 1747

L’èvä staciä ’na prumävérä frëgiä, con tänt’acquä e tänt vént...

Col dì ’d masc, ël prum, ël Luis l’èvä drè prëparàa i bésti, chè subit dòp disnà saréssän nècc ä l’alp. Finälmént l’èvä gnù fòo ’l sol: miä për notä jévän stacc intorn tut lä neucc ä cäntàa: ”Gnirà mai on bél està, finchè masc särà cäntà...“

Ä misdì äss sarésän trovai, tutä lä compägnia, int l’ostäriä ’d lä täbächinä vègiä për fàa fòrä ij sälämit e’l sprèss dël masc e për saludas, ché peui fin l’autun äss saréssän vist bëgn dë ràr.

Ma l’èvä miä dëstin… On bòtt e méz, pròpi quänd jévän dré butà giù l’ultim bicér, ës prëséntä ’n su l’uss ël capural mägior ëd lä guardiä ciocä, ël Pèdär dë Risciän: ”Mätai, äm dispias për vijèoti, ma incheui ass và notä l’alp: äl ghè lä goèrä! Dë chi pòchi dì ’l gomä dë vèssä tucc in cäsèrmä, ä Cäsàal dël Monfrà“.

Ghévä pòch dë disscorä... Ij neusti, ’n prumä sotä lä bissä dij milänès, peui sotä l’èolä dij todisch, ël soldà l’èvän sémpä facc e sèvän polit chë’l ghévä notä dä fagh. Dèss lä bändérä l’évä gnoä biäncä e rossä, äss vosavä: “Savoia!“, ma lä sonà l’èvä sémpä istèss: “Cito, e cäminä!..“

E onsì s’évän trovai, giustä ’l témp dë säludàa cui dë cà, inviai për Omëgnä, insëmä cui dë Buj e cui dë Cranä, e dë Crusnàl e dë Scirèsc, viä për ël lagh e ij risèr ’d lä bàssa, fin ruvàa Cäsàal. Lì’nsì ghévän mëss in spalä on s-ciopätón, on grän sacäpän, ’nä märsinä celèstä e ’n caplasc neghër: guardij dël Regimént Cäsàal, pënsè ’n pò!..

Nisciun ël sèvä polit chè razzä’d goèrä fudéss; domà ël Giovanin Cälderón, chë l’èvä stacc pènä ’n zeminari studiàa dë prèv, l’evä riussì cäpìi chè ij nemìs, ä ’stä vòtä, ijèvän ij fräncés.

Com sì siä, ijèvän inviai in vèr Turin e peui su për ij montagn ‘d la val dë Susä, finchè on bèl dì, ël 18 ëd luj dël 1747, për vèssä precìs, s’evän trovai äl piän ’d l’Assiëtä, insëmä cui dël regimént Forgiàz, ij grenadiér dël Rè e tri ò quatar batajogn dë scvizzër.

Ghèvä on grän movimènt e ’l comändänt in cap, ël bigadièr generàl dël Ré, cont ëd Sän Sèbastiän, l’evä dàcc ordin dë tiràa sù ’n grän prèssä ’nä grän murajä për podèe difendä lä posiziòn. Ijèvän läoràa tut lä neucc, e lä mätin ä drè, strècch comè asän, ijèvän mëss tucc in filä a sèntä ’l discors dël comändänt.

”Soldai’d Savoiä“, ël disèvä’l generàl (ma’l pärlavä squas fräncès e ij neusti aurèsän cäpìi pòch e vèr aot, së’gh feuss notä stacc ël sòlit Cäldèròn ä spiegàa) “Goardi dël Cäsàal, goardi dël Forgiàz, grenadiér dël Rè“ (ma pë ij scvizzër gnäncä ’nä päròlä) “Là dët nëgn dë nui ël ghè ij fräncès, e ijn tënci, tënci pussè che nui... Ghè dë strimiss, ël sò polit, ma nijèoti piemontès än ciamän ij bogiänèn, e l’è pròpi cost chë’l ghi dë fàa incheui, carä ij mèi mätai: piäntè ij pèi për tèrä e bogèv notä dë ’n dovä chë sì, ä costä col chë costä! Dovrè ij s-ciòp, e ij baionët e ij sèss e ij ong, ma bogèv miä, përchè së cui là passän viä dë chi, somän bèli che dël gàt, nui e tucc ij neusti!..“

E ’nsì l’è stacc.

Gh’än dacc tut ël dì, ij fräncès, ma dët nëgn dë lor ghèvä cui dël Cäsàal: ghëvä cui dë Cäsàal, e dë Buj, e dë Crusnàll, e dë lä Vàl. Gh’än dacc tutt ël dì, ij fräncès, ma orä ’d lä serä agh n’è rëstai pù. Ghè rëstà pù ma ij neusti chë vosavän: “Sän Zòrz!” e “Savoia!” e migari incä ’l nom ‘d lä morosä…

E äss sintèvän piemontés incä lor, finälmènt, in mèzz a ij èoti piemontès.

Era stata una primavera fredda, piovosa e ventosa…

Quel primo di maggio, Luigi stava preparando gli animali con i quali, subito dopo desinare, sarebbe salito all’alpeggio. Finalmente si vedeva un poco di sole: non per nulla (con la compagnia) avevano girato l’intera notte a cantare: “Non potrà esservi una buona estate, se non verrà cantato il maggio…”

A mezzogiorno si sarebbero ritrovati, l’intera compagnia, all’osteria della vecchia tabaccaia per consumare i salamini e il formaggio ricavati dalla questua e per salutarsi, che sino al nuovo autunno avrebbero avuto ben poche occasioni per incontrarsi.

Ma il destino aveva deciso diversamente… Alle 13 e trenta, proprio mentre stavano scolando l’ultimo bicchiere di vino, si presenta sull’uscio il caporal maggiore della guardia civica, Pietro da Riciiano: “Ragazzi, mi spiace per voi, ma oggi non potrete salire all’alpeggio: siamo in guerra! Tra pochi giorni dovremo presentarci in caserma, a Casale Monferrato”.

Inutile discutere… I casalesi, prima sotto il piscione visconteo, poi sotto la bicipite austriaca, il servizio militare l’avevano sempre svolto e lo conoscevano come un dovere ineluttabile. Da qualche anno la loro bandiera era bianca e rossa, si gridava: “ Savoia!”, ma la sostanza non cambiava: “Zitti, e marciare!..”

E così, salutati i parenti, si erano ritrovati in cammino verso Omegna,in compagnia di quei di Buglio e di Cranna, di Crusinallo e di Cireggio, lungo le sponde del lago d’Orta e attraverso le risaie, fino a Casale. Lì li avevano dotati di fucile e tascapane, di un’uniforma azzurra con cappello nero: guardie del reggimento Casale, pensate!…

Nessuno di loro aveva la minima idea su quale guerra si dovesse combattere; solo Giovannino Calderoni, che aveva frequentato un poco il seminario, era riuscito a capire che questa volta si andava contro i francesi.

In ogni caso, erano stati inviati a Torino e poi in val Susa, fino a che, il 18 luglio del 1747, si erano ritrovati al piano dell’Assietta, insieme ai reggimenti Fourjaz e Granatieri del Re e ad alcuni battaglioni di mercenari svizzeri.

Vi era molta agitazione, là e il comandante in capo, brigadier generale conte di San Sebastiano, aveva ordinato di erigere in gran fretta una barricata a difesa della posizione.

Avevano lavorato la notte intera, e il mattino seguente, stanchi e assonnati, adunata per ascoltare il discorso del comandante.

“Soldati di Savoia,”, diceva il generale (ma parlava quasi in francese e i nostri non avrebbero capito nulla se non vi fosse stato il solito Calderoni a fare da interprete) “Guardie del Casale, guardie del Fourjaz, granatieri del Re” (ma nessun cenno agli svizzeri) “Làdi fronte ci sono i francesi e sono tanti, molti più di noi… C’è di che spaventarsi, lo so, ma noi piemontesi siamo soprannominati bogianèn, e proprio questo occorre fare in questa giornata, miei cari ragazzi: piante per bene i piedi e non vi muovete dal vostro posto, costi quel che costa! Usate i fucili, le baionette, i sassi, le unghie, ma non vi muovete, perché se quelli passano oltre, tutto il Piemonte è perduto.

E così fu.

Ci provarono per l’intera giornata, i francesi, ma di fronte avevano il Casale, avevano gli uomini di Casale, e di Buglio e di Crusinallo e della valle Strona. Ci provarono per l’intera giornata, i francesi, ma a sera non ne erano rimasti. Erano rimasti i nostri che urlavano: “San Giorgio!” e “Savoia!” e qualcuno anche il nome della fidanzata…

E si sentivano piemontesi anch’essi, finalmente, tra gli altri piemontesi.




permalink | inviato da CasaleCorteCerro il 5/9/2008 alle 22:2 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
agosto        ottobre